“L’Italia che ci crede” è al Festival Lebici di Pavia

15 Settembre 2017

Al via ieri a Pavia Lebici Festival, 4 giorni di eventi gratuiti per celebrare la bicicletta e ricordarne le potenzialità dal punto di vista economico.

Festival Lebici

La Bikenomics può dare un grande contributo all’economia del paese, e allo stesso tempo apportare benefici in termini di salute, di ambiente, di tempo risparmiato. Gli organizzatori del Festival Lebici hanno deciso di descrivere gli operatori del settore cicloturistico come “L’Italia che ci crede”. Ecco che questa espressione, se ci si riflette, assume un contenuto molto più ampio: la scommessa è sul sistema paese, non solo sulle potenzialità del cicloturismo.

Gli eventi della giornata

La colazione

festival Lebci
Ieri mattina i ciclisti pavesi si sono svegliati con una gustosa sorpresa: una colazione offerta da Fiab Pavia, allo scopo di ringraziare i ciclisti urbani per il loro comportamento virtuoso che va a beneficio di tutta la cittadinanza, comprese le persone che non usano la bici.

“Cicloturismo: una miniera d’oro a pedali”
L’azione si è poi spostata alla Sala Conferenze di Palazzo Broletto. Focus principale della giornata è stato il cicloturismo. L’incontro delle 10 aveva l’eloquente titolo “Cicloturismo: una miniera d’oro a pedali”. I relatori presenti hanno fatto il punto su finanziamenti, best practice e innovazioni necessarie per intercettare la crescente domanda di percorsi e servizi per cicloturisti proveniente dall’estero, ma anche dal territorio nazionale. I saluti del sindaco di Pavia Massimo Depaoli hanno dato il via all’incontro moderato dallassessore alle attività produttive Angela Gregorini.
Pierpaolo Romio, amministratore delegato di Girolibero, ha raccontato brevemente la storia e il presente del più grande tour operator cicloturistico italiano, stimolando una serie di interventi da parte del pubblico presente in sala; Romio ha ricordato che solo il 10% dei cicloturisti sceglie una vacanza organizzata: la stragrande maggioranza preferisce muoversi in autonomia.

“Ciclovie turistiche: l’Italia che ci crede”

Festival Lebici
L’incontro “Ciclovie turistiche: l’Italia che ci crede” è stato dedicato a quelle realtà che hanno puntato molto sul cicloturismo negli ultimi anni.
L’esperienza della Valtellina è stata raccontata da Pierluigi Negri, Direttore del Consorzio turistico di Tirano, che ha presentato il servizio Rent a Bike; questa forma di noleggio flessibile permette ai turisti di noleggiare la bici in vari punti della Valtellina, con la possibilità di restituirla in una stazione differente. È l’intera regione Lombardia ad aver investito sul cicloturismo negli ultimi anni; lo ha raccontato Luca Mambretti, referente operativo per la direzione sviluppo economico della Regione Lombardia. Ma cosa succede quando manca una forte cabina di regia a livello dell’amministrazione pubblica? Ecco che diventa necessaria l’azione dal basso; quella raccontata da Cosimo Chiffi, portavoce del Coordinamento dal basso per la ciclovia dell’acquedotto pugliese. Dopo essere partiti dal nulla, grazie all’azione di volontari e imprese locali, la ciclovia è ora parte delle 10 ciclovie nazionali individuate dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Giulietta Pagliaccio, presidente della Fiab, ha voluto sottolineare l’importanza delle città, in prima linea nella promozione dell’uso della bici.
Tutti i relatori infine hanno sottolineato l’importanza delle bici elettriche nell’ampliare il pubblico potenziale di cicloturisti, e i percorsi possibili.

“Le potenzialità della logistica in bicicletta”

Festival Lebici
L’elettrificazione è un trend che sta rivoluzionando anche un altro settore, quello della ciclologistica. “Le potenzialità della logistica in bicicletta” è stato il tema di cui hanno parlato Cosimo Chiffi, di TRT Trasporti e Territorio Srl, e Beppe Piras, direttore di Bici-T. I due relatori hanno fatto una panoramica degli sviluppi recenti del settore, senza lesinare consigli per chi volesse far partire un’attività di ciclologistica; diverse persone nel pubblico avevano questa intenzione, e hanno posto precise domande ai due esperti.
Festival Lebici

“Manuale del ciclista urbano”
Negli ultimi anni molte persone hanno deciso di (ri)cominciare a usare la bicicletta per spostarsi in città. Molti vorrebbero seguirli, ma hanno dubbi e paure. È importante comunicare con loro per aiutarli a diventare ciclisti urbani. È questo lo scopo del libro di Giuseppe Piras, “Manuale del ciclista urbano”, presentato dall’autore alle 19.

Il Festival Lebici continua fino a domenica 17. Venerdì 16 si continuerà a parlare di economia della bici, con alcuni focus su bike sharing, moderazione del traffico e le sue ricadute positive sul commercio. Qui il calendario completo.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti