Toronto: nuove protezioni a forma di onda per le bike lane

12 Agosto 2020

Diciamo spesso che per costruire città migliori serve anche un po’ di creatività e di innovazione, così Toronto, sul modello di quanto già accade a New York, ha deciso di iniziare l’installazione di nuove barriere del tutto inusuali a quelle cui siamo abituati a vedere per la protezione delle piste ciclabili in sola segnaletica.

Vista dall’alto delle barriere a onda

Realizzare bike lane grazie al solo uso della vernice è un modo semplice e veloce per implementare la rete ciclabile di una città, tuttavia la sola segnaletica orizzontale non basta a fermare gli automobilisti dal parcheggio selvaggio.

Ecco quindi una nuova, curiosa, separazione fisica per le ciclabili: delle onde in metallo dell’altezza di circa 70 cm da terra posizionabili in pochissimo tempo sull’asfalto.

Il risultato? Delle barriere fisiche con lo scopo di evidenziare la presenza della ciclabile e di evitare il parcheggio delle auto più che proteggere il ciclista da improvvise invasioni da parte dei veicoli.

Sappiamo infatti che qualsiasi tipologia di protezione è totalmente inutile nel momento in cui le auto non adottano velocità moderate. Per questo motivo le barriere posizionate a Toronto sono soprattutto indicate per i contesti urbani, dove le velocità delle auto sono, o dovrebbero, essere molto basse.

Ma le onde non bastano a cambiare il volto della strada, per questo sono spesso intervallate da grandi vasi di fiori che segnano l’inizio e la fine della ciclabile: sicuramente più resistenti in caso di scontro ma soprattutto più belli da vedere tra il grigiore delle strade cittadine.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti