Parigi, rientro in classe sostenibile: strade davanti alle scuole chiuse ai motori

4 Settembre 2020

Oltre 80 strade che si trovano di fronte agli istituti scolastici di Parigi verranno trasformate in strade scolastiche. La maggior parte degli interventi nella capitale francese saranno di completa pedonalizzazione gli altri, nelle situazioni in cui non sia fattibile eliminare le auto, di sola moderazione del traffico.

Uno degli interventi provvisori di Parigi

L’annuncio è arrivato dal braccio destro di Anne Hidalgo, David Belliard, il vicesindaco di Parigi con deleghe allo spazio pubblico. L’iniziativa mira a garantire un ritorno a scuola permettendo il distanziamento fisico non solo in classe ma anche durante le fasi di ingresso e uscita da scuola, ma i vantaggi sono molteplici.

Limitando l’accesso veicolare si spingono genitori e bambini a recarsi a scuola in altro modo, evitando così il sovraffollamento di auto proprio all’ingresso delle scuole. Bloccando le auto prima si incentivano le famiglie a scegliere forme di spostamento alternative, in bici o a piedi ad esempio, evitando così che i bambini respirino aria inquinata.

La chiusura di una strada scolastica

La scelta preferita dall’amministrazione è la completa pedonalizzazione, ma nel caso di alcuni istituti localizzati su strade di scorrimento si interverrà imponendo il limite di 20 km/h e adottando soluzioni di moderazione del traffico. L’idea di Parigi è di intervenire nel tempo per trasformare queste strade in spazi verdi e strade gioco.

Il vicesindaco non si sbilancia ma ammette che nelle intenzioni della coalizione verde c’è l’ipotesi di implementare queste soluzioni su tutte le 1200 scuole della capitale, arrivando almeno a 300 istituti con ingressi completamente pedonalizzati.

Per comprendere perché anche noi dovremmo chiudere le strade davanti alle scuole CLICCA QUI, per capire come realizzare una strada scolastica CLICCA QUI.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.899
Acquista
Meccanica per bici da corsa e gravel
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti