Bonus Bici, ci siamo: portale attivo dalle ore 9 di martedì 3 novembre

16 Ottobre 2020

[Articolo aggiornato il 2 novembre 2020]

Si avvicina il momento in cui, finalmente, dopo una lunga attesa sarà possibile richiedere il cosiddetto Bonus Bici attraverso il portale realizzato dal Ministero dell’Ambiente: è stato lo stesso ministro Sergio Costa a comunicare ufficialmente che a partire dalle ore 9 di martedì 3 novembre 2020, all’indirizzo www.buonomobilita.it, sarà possibile caricare le richieste di rimborso o generare il voucher per gli acquisti futuri.

Core training per ciclisti

CORSO ONLINE – Migliora la stabilità e l’equilibrio, riduce il mal di schiena
IN OFFERTA 49,00€ 19,90€

Per evitare “assalti notturni” al portale, il Ministero dell’Ambiente ha deciso di mettere online il sito www.buonomobilita.it a partire dalle ore 9 del mattino di martedì 3 novembre: da quel momento sarà possibile inoltrare la richiesta di rimborso per il prodotto già acquistato o generare il voucher per acquistarlo direttamente con lo sconto (secondo le modalità indicate più avanti in questo articolo, ndr)

I consigli dell’Ancma per richiedere il bonus

Il 30 ottobre 2020 l’Ancma (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) ha pubblicato un comunicato per dare tre consigli utili in vista del “click day” del 3 novembre, con l’ora x fissata alle 9 del mattino. Il conto alla rovescia è cominciato ed è opportuno ribadire alcune raccomandazioni per affrontare la procedura online nel migliore dei modi avendo tutte le carte in regola.

In particolare, come ricorda Ancma, occorre:

  • attivare l’identità SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale)
  • scannerizzare il documento di acquisto intestato a proprio nome (fattura o scontrino parlante) e farne uno documento in formato pdf
  • avere a portata di mano le proprie coordinate bancarie per ricevere il rimborso

Corso di Meccanica per Bici da Corsa e Gravel

Corso Online – Manutenzione, riparazione e regolazione

L’Ancma sottolinea inoltre che “questa procedura in particolare terrà conto della data di inserimento della richiesta e non quella del documento di acquisto”.

L’iter di domanda è composto da due fasi ben precise: la prima che riguarda appunto il rimborso delle spese sostenute dal 4 maggio al 2 novembre 2020 (60% di esse fino a un massimo di 500 euro), mentre la seconda è rivolta ai cittadini che non hanno ancora effettuato acquisti e prevede un vero e proprio buono di spesa digitale, che i beneficiari potranno generare direttamente sull’applicazione web del Ministero dell’Ambiente.

Il voucher di spesa per gli acquisti futuri

Per coloro che lo richiederanno sarà ugualmente necessaria l’identità SPID. Il voucher creato avrà poi una durata di 30 giorni – per spese da effettuare entro 31 dicembre 2020 – e potrà essere utilizzato negli oltre duemila punti vendita sul territorio nazionale, che si sono già registrati sulla piattaforma digitale resa loro disponibile dal dicastero guidato da Sergio Costa.

Intanto da lunedì 19 ottobre è possibile, per tutti gli esercenti che vogliono aderire all’iniziativa, l’iscrizione nel portale a questo link. E nella prima giornata si sono registrati in 500, una notizia accolta positivamente dal ministro Costa: “Significa che si sente  la necessità di mobilità sostenibile, soprattutto in questo periodo delicato dal punto di vista sanitario. Usare la bicicletta o un veicolo elettrico o ancora i servizi di mobilità condivisa comportano meno inquinamento nelle nostre città e una maggiore tutela della nostra salute, versante sul quale stiamo insistendo come ministero dell’Ambiente, come dimostrano anche il recente stanziamento per gli spostamenti casa-scuola –  20 milioni di euro – e il decreto sulla riforestazione urbana”. Come ricorda l’Ancma nel suo comunicato del 30 ottobre i punti vendita aderenti sono arrivati a oltre duemila su tutto il territorio nazionale.

Invece da martedì 3 novembre tutti i cittadini aventi diritti al bonus – che hanno acquistato un prodotto dal 4 maggio al 2 novembre possessori di una regolare fattura o scontrino parlante e di uno SPID – potranno caricare i propri documenti sulla piattaforma www.buonomobilita.it e ricevere il rimborso del 60% sul prezzo di acquisto (fino a un massimo di 500 euro).

Come funziona il Bonus Bici 2020

Inoltre, sempre dal 3 novembre, sarà possibile acquistare una bici o un mezzo di micromobilità elettrica generando, attraverso il portale, un voucher da portare in negozio (tra quelli che hanno aderito al portale, ndr): il voucher è spendibile entro 30 giorni dall’erogazione e comunque non oltre il 31 dicembre 2020.

Quanto ai fondi a disposizione, che secondo alcune stime non basterebbero a coprire tutte le richieste di rimborso, il ministro Costa rassicura: “Sappiamo bene che i 210 milioni di euro che abbiamo stanziato per questo bonus potrebbero non soddisfare tutte le richieste (e siamo anche felici di questa grande richiesta!): nessun timore, perché abbiamo già previsto di stanziare nella prossima legge di bilancio 2021 altre risorse per non lasciare nessuno indietro e rimborsare tutti coloro che ne abbiano diritto”.

In conclusione, il titolare del Minambiente invita a cambiare modo di spostarsi e spera che questo “Bonus Bici” possa mettere più persone in sella nei tragitti urbani quotidiani: “L’obiettivo di questo strumento è quello di aiutare le persone a cambiare modo di vivere in un sistema più verde. Vogliamo che le tratte casa-scuola o casa-lavoro diventino sempre più sostenibili”.

Certo, ma oltre al bonus – come abbiamo sottolineato a più riprese su Bikeitalia – è necessario anche un cambio di paradigma della mobilità da parte delle amministrazioni locali e, soprattutto, una cabina di regia nazionale per poter dare a chi si muove in bicicletta la possibilità di poterlo fare quotidianamente, in sicurezza. E i 137,2 milioni di euro stanziati dal Mit per le ciclovie urbane costituiscono un passo in questa direzione: ma di strada da fare ce n’è ancora molta e gli assembramenti sui mezzi pubblici sono un problema pressante, contingente e reale.

Lascia un commento

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti