Mobilità post-Covid: in Italia il nodo trasporti è venuto al pettine - Bikeitalia.it

Mobilità post-Covid: in Italia il nodo trasporti è venuto al pettine

14 Ottobre 2020

I problemi della mobilità post-Covid erano noti da tempo: il nodo dei trasporti pubblici alla ripresa delle attività e alla riapertura delle scuole era tutt’altro che inatteso, eppure siamo arrivati al 14 ottobre per farlo venire al pettine. Facendo passare quasi 9 mesi.

Oggi la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli incontra al Mit i rappresentanti dell’Asstra (Associazione delle aziende del trasporto pubblico locale), l’Anci, (Associazione nazionale comuni italiani), i rappresentanti della Conferenza regioni italiane e l’Upi (Unione province italiane) e in quest’occasione si cercheranno le possibili soluzioni per evitare assembramenti su autobus, metro, treni, pensiline, fermate cittadine o extraurbane. Problemi stringenti e reali, a cui bisognava pensare per tempo e che invece sono stati ampiamente sottovalutati.

Su Bikeitalia lo avevamo scritto in tempi non sospetti, all’inizio della pandemia e in pieno lockdown. Nell’articolo “La mobilità urbana dopo il CoronavirusPaolo Pinzuti delineava uno scenario che si è puntualmente verificato, e cito:

La domanda per chi si occupa di mobilità è quindi: “quale impatto avrà questa mancata propensione alla vicinanza umana per il trasporto e la mobilità?”.

L’impatto più prevedibile è che ragionevolmente gli Italiani preferiranno mantenere le distanze anche durante i propri spostamenti e che, al rientro dalla prigionia, di fronte alla scelta tra utilizzare un mezzo di trasporto individuale e un mezzo di trasporto collettivo la tendenza generale sarà preferire sistemi di trasporto individuale.

Se usciamo dall’astrazione e iniziamo a guardare i numeri, il problema reale inizia a emergere

(Bikeitalia.it – “La mobilità urbana dopo il Coronavirus” di Paolo Pinzuti – 19 marzo 2020)

Quell’articolo è stato il primo di una lunga serie che abbiamo pubblicato su questa testata per documentare la “Mobilità post-Covid“: analizzando il problema ma anche cercando di dare delle soluzioni percorribili per decongestionare le strade e fornire un’alternativa sostenibile, a partire dall’implementazione di una Rete di Mobilità di Emergenza in ogni città e dando notizia delle buone pratiche messe in atto in molte importanti città del mondo attente alla mobilità ciclistica (Parigi e Londra, solo per citarne due).

Ma il nodo dei trasporti pubblici è restato lì: nei vari Dpcm che si sono susseguiti in questi mesi la sensazione è che il governo si sia limitato a fotografare il problema e definire il limite della capienza massima di ciascun mezzo (50%, 80%, “distanziamento di almeno 1 metro”) dando prescrizioni ma non fornendo soluzioni.

La nota del Mit in merito al tavolo sui Trasporti di oggi comunica che: “Verrà compiuto un aggiornamento del monitoraggio periodico dei flussi dei passeggeri che utilizzano i mezzi pubblici e saranno analizzate alcune situazioni problematiche riportate in questi giorni sui canali social, relative ad assembramenti a bordo dei mezzi e all’interno delle stazioni”.

Intanto la realtà è sotto gli occhi di tutti: vagoni della metropolitana dove il distanziamento non viene rispettato, autobus stracolmi e un sistema di trasporto pubblico in affanno e prossimo al collasso.

Dal momento che il raddoppio dei mezzi di trasporto pubblico è una pia illusione, soprattutto se da realizzare in tempi strettissimi e con un’emergenza in atto da ormai 8 mesi, il ricorso allo smartworking e la didattica a distanza sono soluzioni che andrebbero integrate all’interno di una strategia ad ampio raggio, per minimizzare le occasioni di contagio e consentire lo svolgimento delle attività, senza creare ingorghi chilometrici di auto davanti alle scuole così come sta avvenendo per i tamponi “drive in” che i sospetti contagiati devono fare utilizzando un’auto.

Ad aprile scorso invitavamo le persone a riflettere sulla distribuzione e sul valore dello spazio pubblico, quello che avevamo “dato per scontato” prima della pandemia:

Mai come oggi gli abitanti delle città densamente popolate possono comprendere quanto valga lo spazio dell’abitare e lo spazio pubblico: passare 1 mese, forse 2, chiusi in 50/60 mq di abitazione sapendo che la strada sotto casa potrebbe essere uno spazio collettivo, un parco, un’area verde invece che un’arteria di scorrimento potrebbe avvicinarci e indurci a considerare nuove forme di mobilità alternative all’auto.

Non facciamoci trovare impreparati.

(Bikeitalia.it – “La mobilità post Coronavirus: non facciamoci trovare impreparati” di Gabriele Sangalli, 1 aprile 2020)

La mobilità post-Covid va affrontata nel modo giusto, in primis cercando di ottimizzare gli spostamenti urbani e privilegiando le modalità a piedi e in bicicletta: lo avevamo detto per tempo su Bikeitalia, stiamo constatando che la massima “Nemo propheta in patria” è purtroppo tristemente attuale nel nostro Paese, refrattario al cambiamento e schiacciato da un tasso di motorizzazione abnorme.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti