In Puglia tra ciclocross e cicloturismo

2 Febbraio 2021

Si è recentemente concluso a Lecce il Campionato Italiano Ciclocross 2021, l’evento che ha confermato non solo l’alto livello tecnico dei partecipanti ma anche l’elevato impatto promozionale che ha avuto la città leccese e la Puglia intera nell’ospitare un migliaio di persone tra atleti, addetti ai lavori ed accompagnatori nelle tre giornate di gara.

I benefici che una manifestazione di alto rango nazionale ha comportato per la Puglia sono evidenti: la destagionalizzazione del flusso turistico, la valorizzazione di aree meno conosciute ma ricche di tradizioni, la diffusione dell’immagine del territorio grazie anche all’ausilio delle dirette Rai, della carta stampata, dei siti web, dei canali social Facebook e Instagram.

Oltre ai grandi eventi sportivi, la Puglia regala ai suoi visitatori emozioni ed esperienze in tutti i periodi dell’anno.

Salento Cicloturismo Puglia

Cicloturismo in Puglia


In sella a una bicicletta è il modo migliore per riscoprire i sapori e i profumi di una terra affascinante.

Dal Parco Nazionale del Gargano, a quello Nazionale dell’Alta Murgia, fino alle terre del Salento con itinerari e percorsi per tutti i gusti e in base al grado di difficoltà da godere con lentezza soprattutto in periodi dell’anno che portano flussi turistici lontani dal turismo di massa.

Alla portata di tutti, i percorsi classificati come facili: tra questi dalla dorsale adriatica tra il Gargano e il Nord Barese, quello da Bari Sud fino a spingersi all’Alto Salento, dalla murgia tarantina alla costa ionica nei pressi del Parco Archeologico di Saturo non molto lontano da Gallipoli, dal tacco dello Stivale fino al cuore rurale del Salento.

cicloturismo puglia salento

Classificati come percorsi medi quelli dedicati agli amanti della mountain bike e dei percorsi nella natura: tra questi, dal Parco Alta Murgia al maniero federiciano di Castel del Monte, tra i trulli e i muretti a secco a sud di Bari (Alberobello e Castellana Grotte), alla scoperta del fascino senza tempo della Valle d’Itria, tra i sentieri rocciosi e le cavità carsiche nella zona del Parco delle Terre delle Gravine.

Il cicloturista più allenato, invece, potrà misurarsi lungo gli itinerari classificati come difficili, in mezzo alla natura selvaggia del Gargano (dalla scogliera alla foresta), visitando i borghi storici fino ai luoghi della fede, dalle pendici del Gargano ai Monti Dauni per gambe forti e con dislivelli abbastanza esigenti.

Scopri di più su viaggiareinpuglia.it

[contenuto sponsorizzato]

Lascia un commento

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti