Pavè, pedalando a Venezia: il bike festival di narrazione dal 6 all'8 maggio 2022 - Bikeitalia.it

Pavè, pedalando a Venezia: il bike festival di narrazione dal 6 all’8 maggio 2022

21 Aprile 2022

Tre giorni di incontri, cinema, laboratori e una spettacolare Gravel Ride attorno alla Laguna di Venezia. C’è un cambiamento globale in atto nella mobilità individuale, collettiva e condivisa, ormai lontana dal modello di un’indiscriminata motorizzazione di massa. Protagonista è la bicicletta, un mezzo semplice per risolvere grandi problemi.

Nel primo weekend di maggio arriva a Venezia Pavè, bike festival di narrazione pensato per promuovere il cambiamento culturale. Le giornate di venerdì 6 e sabato 7 maggio, si svolgeranno negli spazi diffusi del distretto museale M9, a Mestre. L’evento è organizzato dall’Associazione Culturale La Velostazione Venezia.

Un ricco panel di relatori italiani e stranieri e un fitto cartellone di incontri, caratterizzeranno la prima edizione del festival intitolata “testimonianze dalla ciclabilità evoluta”. La programmazione scorrerà lungo tre percorsi narrativi:

1. Città e cambiamento

Le città di tutto il mondo sono di fronte alle conseguenze dell’uso senza freni di automobili e mezzi inquinanti. Riducendo le emissioni di CO2 con la moderazione del traffico e pianificando spazi pubblici più attrattivi, le politiche più intelligenti hanno dimostrato efficacia. La prima questione da affrontare per la diffusione della mobilità ciclistica urbana è la costruzione di un contesto “amico” della bicicletta, nel quale sia possibile muoversi ovunque in modo confortevole e sicuro.
L’Olanda – ospite d’onore – porterà in scena la sua esperienza di successo, aprendo il festival con la proiezione del mediometraggio “Why we cycle” seguita dai racconti di quattro testimonial dai Paesi Bassi.

2. Ciclovisioni, testimonianze dal bikepacking evoluto

Il rapporto che il ciclista instaura con il territorio in cui si muove è un legame profondo: coinvolge tutti i sensi e permette di percepire sfumature e dettagli del paesaggio che con un mezzo veloce perdono di significato. Praticare il cicloturismo significa ripensare al valore del tempo e dei luoghi: sul proscenio veneziano lo si potrà scoprire attraverso le prospettive di ultrarider – come Paola Gianotti – e ciclisti qualunque.

3. Cinema e Terre Alte

In chiusura di ogni giornata una proiezione su tematiche ambientaliste. Saranno due i film selezionati per PAVÈ da Film Festival della Lessinia, unico concorso cinematografico internazionale esclusivamente dedicato a cortometraggi, documentari, lungometraggi e film di animazione sulla vita, la storia e le tradizioni in montagna.

Tutti gli appuntamenti saranno a ingresso libero con prenotazione obbligatoria online.

La Gravel Ride intorno alla Laguna di Venezia

Domenica 8 maggio si terrà l’highlight sportivo ed evento finale del festival, già sold-out dalla fine di marzo. Una Gravel Ride non competitiva e unsupported, un’avventura in bici lunga una domenica nell’impareggiabile contesto della Laguna di Venezia pedalando nell’eterna contrapposizione tra acqua e terra. Incrociando la Laguna Veneta, i fiumi Sile, Piave e Livenza lungo strade bianche, piste ciclabili, argini, sentieri e strade secondarie con un esclusivo transfer dedicato in ferry-boat.

Due saranno i percorsi, di 140 e 90 chilometri, che partiranno ed arriveranno a Parco San Giuliano dove per l’occasione verrà allestito il PAVÈ Village.

Per maggiori informazioni: https://www.pedalandoavenezia.com/

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti