Trovare gli sponsor per un viaggio in bici: Intervista a Gurkan Genc

Trovare gli sponsor per un viaggio in bici: intervista a Gurkan Genc

24 Luglio 2013

L’ultima volta che ho visto Gürkan è stato in Turchia, poco prima della sua partenza per il giro del mondo in bicicletta. “Ci metterò 7 anni, 125.000 km”, diceva. L’ho seguito via Facebook mentre attraversava la Bulgaria, la Romania, la Moldavia e arrivava in Ucraina alla fine dell’autunno e poi per tutto l’inverno in Russia, Finlandia, Svezia, Danimarca, Olanda, Germania, Polonia… Ci siamo incontrati dalle parti di Padova, 13.500 km dopo per puro caso. Non potevo credere ai miei occhi.
Mi ha raccontato dei mesi trascorsi in sella, dei -56° visti sulla strada e dei -40° che aveva visto in tenda, quando doveva dormire con i thermos nel sacco a pelo per evitare che si ghiacciasse l’acqua. A un certo punto gli ho rivolto la domanda delle domande, quello che necessariamente si chiedono tutti:

gurkan figo

Pinz: Gürkan, toglimi una curiosità, ma tu sei ricco?

Gürkan: in che senso?

P: Beh, hai pianificato un viaggio di 7 anni intorno al mondo. Ti costerà un sacco di soldi. Chi paga?

G: Come chi paga? Gli sponsor, ovviamente.

P: Ah, quindi non lavori mentre viaggi?

G: Dipende da cosa intendi per lavorare… Ho un blog e ogni giorno, dopo aver pedalato per molte ore, passo le serate in tenda chino sul mio computer a scrivere, selezionare le foto ed elaborarle, a montare i miei video. Spesso mi capita di addormentarmi con il pc tra le mani, per la troppa stanchezza. Questo è il mio lavoro.

P: Cioè, vuoi dire che il tuo blog ti basta per pagarti da vivere?

G: Sai, il mio blog è molto seguito, faccio 120 mila visite al mese. Ho dei banner che mi portano dei buoni soldi e poi, come ti dicevo, ho una quindicina di sponsor che mi sostengono economicamente e con materiali tecnici. Alla fine, chiudo ogni mese in attivo.

P: Che tipo di sponsor sono?

G: il mio main sponsor è un’università privata di Ankara, loro mi versano ogni mese il denaro che mi serve per vivere, poi c’è un’azienda di assicurazione che copre le mie spese mediche, c’è un’azienda produttrice di biciclette che mi ha fornito la bici e tutti gli accessori, poi c’è un’azienda che mi passa la tenda, il sacco a pelo e le cose per il campeggio che devono essere testate sul campo, c’è chi mi cura il sito internet, e così via…

P: Come hai fatto a trovarli?

G: Non è stato facile: dopo aver preso la decisione di partire, la prima cosa che ho fatto è stato fare un elenco delle principali aziende turche e dei loro responsabili marketing. Poi ho scritto un progetto, era un volumone di 80 pagine e l’ho inviato a 754 aziende chiedendo loro un supporto economico. Solamente per la stampa e l’invio dei progetti ho speso circa 2.500 euro.

P: E come è andata?

G: Malissimo: su 754 aziende che ho contattato ho ricevuto 754 risposte negative. (ride)

P: E quindi?

G: E quindi ho iniziato a cercare nella mia rete di contatti e amicizie in cui ci sono persone che lavorano per quest’azienda o quell’altra: i miei veri sponsor sono stati coloro che hanno spinto la mia idea all’interno del loro luogo di lavoro spendendo una buona parola per me con i manager dell’azienda e, alla fine direi che è andata bene.

gurkan gobi

P: Ma alla fine quanto costa un viaggio in bici come quello che stai facendo tu?

G: Anche questo dipende: nel 2010 ho fatto un viaggio in bici dalla Turchia al Giappone. In undici mesi ho speso circa 9.000 euro, però l’Asia è molto economica. In Cina la camera di un ostello costa 5 euro, in Finlandia la camera di un ostello può arrivare anche a 80 euro a notte. Poi io cerco di dormire il più spesso possibile in tenda, ma ogni tanto ho bisogno di fermarmi in un luogo dotato di doccia e lavandino per lavare i vestiti o semplicemente riposarmi. In ogni caso, per quanto io viaggi in modo molto economico, non sono disposto a rinunciare per nessun motivo ad alcuni piaceri, come la gioia di visitare teatri e musei o di assaggiare i cibi tipici. Sono passato da Mosca, potevo forse rinunciare a passare una serata al Bolshoi? Alla fine in undici mesi in giro per l’Europa ho speso circa 12.000 euro e per i sette anni complessivi mi sono dato un limite massimo di 125.000 euro.

P: Bene, a questo punto ti chiedo: se qualcuno volesse intraprendere la stessa avventura che stai vivendo tu, che suggerimento gli daresti?

G: La prima cosa da fare è investire su se stessi: io prima di questo viaggio ne ho fatto uno di “prova”, dalla Turchia al Giappone che mi è servito per dimostrare ad eventuali sponsor che facevo sul serio e che non mi sarei lasciato andare alla prima difficoltà. Questo viaggio mi ha permesso di ottenere i 12mila like sulla mia pagina Facebook, i tremila follower su twitter e 2000 circa su instagram: è un bacino molto attraente per un eventuale sponsor.

gurkan solo

Ma ancora più importante è fare networking: la sponsorizzazione si basa sul concetto di fiducia e se non mi fido di te non ti darò mai del denaro. Per esempio, alcuni miei amici sono partiti per dei viaggi, mi hanno chiesto aiuto e ho fornito loro i contatti diretti ai miei supporter ma non c’è stato nulla da fare: per quanto io garantissi per loro, i miei amici cicloviaggiatori rimanevano degli sconosciuti e quindi nisba. Per ottenere la fiducia delle persone bisogna conoscerle, piacersi a vicenda e sviluppare rapporti umani: questa è la condizione necessaria per ottenere una qualunque forma di supporto. Però è sbagliato pensare che gli sponsor possano essere solamente delle aziende: ho attivato sulla mia pagina un pulsante paypal e sono rimasto stupito da quante persone abbiano effettuato piccole donazioni per supportarmi nel corso del viaggio. Nel complesso, un altro aiuto da non trascurare.

P: Grazie mille Gürkan e buon viaggio. Speriamo di rivederci presto.

Gürkan in questi giorni si trova a Milano. Se tutto va come deve, giovedì sarà alla massa critica milanese.

Per seguirlo nelle sue disavventure, il suo sito è www.gurkangenc.com

Commenti

6 Commenti su "Trovare gli sponsor per un viaggio in bici: intervista a Gurkan Genc"

  1. Gurkan Genc ha detto:

    Hey Frencesco

    3 year later ı Arrived Tanzania. 40.000 km finished. I read your answer.I want to say this;

    I have not writen anything last 10 mounths and sponsors are still with me.. They are not my sponsors . They are my dream partners.

  2. francesco ha detto:

    Hi Gurkan,
    thanks for taking the time to answer. I think I know what you mean, it’s kind of finding the right balance between budgeting and experiencing things in a far away place that inevitably cost money (theater, restaurants,…). For instance, sometimes I missed some good local food because I was afraid it would have costed me too much money.
    What I wanted to point out is that you made a choice: by working hard during your trip to keep your blog constantly updated and thus making the sponsors happy, you earn money that helps you to experience more of the places you visit. A lot of people prefer not to work at all during their travels (out of laziness, an extended concept of freedom or whatever else), even though this means having less money and then not being able to visit art galleries and other touristic attractions, as you do. Missing these things it’s a little bit of a shame, but probably much better than not travelling at all.
    Francesco

  3. francesco ha detto:

    L’intervista è piuttosto interessante, soprattutto perchè spiega abbastanza bene, cifre alla mano, come funziona il mondo degli sponsor. E spiega anche che avere sponsor richiede un gran lavoro (ogni sera in tenda davanti al computer) che non tutti son disposti a fare in viaggio.

    Io però aggiungerei che il caso di Gurkan è abbastanza isolato: la quasi totalità dei ciclisti non ha sponsor (o ne ha di molto piccoli che sicuramente non gli pagano le loro spese giornaliere) e pagano i loro viaggi con i propri risparmi e spendendo poco (lui dice di aver speso 9000 euro in undici mesi in Asia. Molti ciclisti che ho conosciuto in Asia viaggiano con un budget di 10 euro al giorno, cioè circa 4000 euro per 12 mesi).
    Francesco

    1. Gürkan ha detto:

      Hi Francesco

      I have noted your comment about travel budget however I would like to remınd you that I dont only travel, my travels includes museums, art galaries, tourist attractions in big cities and I write about those too, it is not all about cycling memories as I include details this spıce up my writings.
      I have met people who are traveling with no money… THey tresspass borders thru mountains etc.

  4. felino ha detto:

    ecco un argomento che interessa ma che è sempre affrontato malissimo….qui affrontato malissimo all’inizio ha trovato la soluzione che è quella vera.
    bisogna essere credibili con dei gesti compiuti. bel report su un argomento sottile come una lama

    1. Paolo Pinzuti ha detto:

      Grazie collega (ammesso che fosse un complimento)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti