“Concept 1865”, il velocipede elettrico della BASF

31 Ottobre 2013

Cosa avrebbero potuto realizzare i costruttori delle prime biciclette, nel diciannovesimo secolo, se avessero avuto i materiali plastici oggi a disposizione? Questo è lo spunto da cui è partita una campagna pubblicitaria della BASF, famosa azienda chimica tedesca, che ha portato alla realizzazione di un velocipede elettrico, nominato “Concept 1865” (l’anno di fondazione della BASF).

Velocipede elettrico Concept 1865 BASF

Concept 1865, photo © Rafael Kroetz.

Il velocipede è realizzato quasi interamente in materiali plastici sviluppati dall’azienda, mentre il design è stato curato dalla DING3000. Il motore da 250W è compreso nella ruota posteriore, e la batteria è integrata nella sella, che è rimovibile. Il sistema di illuminazione posteriore è basato su LED integrati nella forcella, che danno quasi l’impressione che la bici stessa sia surriscaldata. Il materiale utilizzato per le ruote le rende resistenti alle forature.

velocipede-elettrico-concept-1865-basf-3

Concept 1865, photo © Rafael Kroetz.

La scelta della BASF è interessante: per pubblicizzare i materiali plastici che producono, avrebbero potuto scegliere di realizzare un’automobile elettrica, o un altro mezzo; se la scelta è ricaduta su una bici (o, meglio, un velocipede) è perché le due ruote a pedali vanno sempre più di moda, come dimostrano anche le numerose altre pubblicità che hanno bici come protagoniste. Una moda che, per una volta, porta benefici concreti alla società.

Per i più interessati alla chimica, c’è questa lunga brochure della BASF che descrive in dettaglio i materiali utilizzati.

Qui sotto il video pubblicitario che mostra il velocipede in azione:

 

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti