MENU
viaggi girolibero

Francia, 25 centesimi a chilometro per chi va al lavoro in bici

Bikenomics, News • di 7 Marzo 2014

francia-bici-25cent

I francesi sono troppo sedentari. E allora il ministro dei Trasporti, Frédéric Cuvillier, ha presentato un piano in 25 mosse per farli alzare dalla poltrona del salotto e dal sedile dell’automobile. La principale è un miniassegno di 25 centesimi a chilometro – esente da tasse e imposte – pagato dal datore di lavoro al dipendente che raggiunge il posto di lavoro in bici. Per il momento, ha precisato il ministro, quello rivolto alle aziende è solo un invito. “Siamo però certi – ha aggiunto Cuvillier – che questa indennità di un quarto di euro ogni mille metri percorsi funzionerebbe da stimolo all’attività fisica per molte persone”.

Già oggi tre milioni di francesi utilizzano la bicicletta per i loro spostamenti e altri 17 milioni salgono in sella almeno una volta a settimana.

Nell’eventualità che in futuro questa ciclo-indennità diventasse obbligatoria, il ministero stima che avrebbe un costo per il bilancio dello Stato di 110 milioni di euro l’anno, parzialmente compensato da una riduzione delle spese sanitarie di circa 35 milioni di euro.

Il ministero dei trasporti, per garantire la sicurezza di chi pedala, sollecita anche una profonda revisione del codice della strada che imponga il rispetto di una distanza minima di sicurezza quando un’auto sorpassa una bici e che elimini l’obbligo per i ciclisti di tenersi il più possibile vicini al margine destro della carreggiata, dal momento che questo vincolo li espone al rischio di vedersi sbarrata la strada dall’improvvisa apertura della portiera di una macchina.

Tra le altre misure pro-bici, è allo studio l’aumento delle sanzioni per chi parcheggia su una pista ciclabile (da 35 euro si passerà 135), molti semafori rossi offriranno comunque il diritto di passare a chi pedala e le bici potranno circolare in direzione contraria in tutte le strade a senso unico dove il limite di velocità sarà portato a 30 chilometri orari.

A proposito di velocità: quella all’interno dei centri abitati non sarà più fissata a 50 kmh. Entro l’autunno di quest’anno il ministero definirà un nuovo regolamento che imporrà limiti diversificati (a 20, 30 o 50 kmh) “coerenti con le caratteristiche delle singole strade e con la tipologia di veicoli che le utilizza”.

Foto | yanidel.com







Una risposta a Francia, 25 centesimi a chilometro per chi va al lavoro in bici

  1. […] ha proposte da fare…chissà cosa farebbe lui”. Bene, signori miei, vi invito a leggere la proposta di questi giorni del governo francese di pagare chi si reca a lavoro in bicicletta 25 centesimi al […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *