MENU
viaggi girolibero

Trenobus delle Dolomiti, il cicloturismo multimodale

News • di 29 Aprile 2015

trenobus delle dolomiti
Uno dei modi migliori per diffondere l’uso della bici è semplificare la multimodalità: trasportare la bici sui mezzi pubblici deve essere facile e poco costoso. Come dimostrato dalla recente “battaglia” per ripristinare l’abbonamento treno + bici in Emilia Romagna, questi concetti non sono ancora purtroppo pienamente acquisiti in Italia.

Una buona iniziativa, seppure limitata in un’ottica cicloturistica e solamente estiva, viene invece dal Veneto, dove è stato recentemente approvato il progetto “Trenobus delle Dolomiti” per favorire l’afflusso di cicloturisti nella zona interessata dalla bellissima pista ciclabile delle Dolomiti. Si tratta di una iniziativa promossa da Regione Veneto, Trenitalia e Dolomitibus, in collaborazione con la Provincia di Belluno. In pratica nei giorni festivi che cadono dal 26 luglio al 3 settembre un treno speciale, all’interno del quale potranno trovare posto 32 biciclette, effettuerà un servizio fra Venezia Santa Lucia e Calalzo. La partenza è prevista alle 7,50, con soste nelle principali località lungo la ferrovia (Treviso, Vittorio Veneto e altre), per giungere a Calalzo alle 10,25. Il viaggio di ritorno del treno, da Calalzo a Venezia Santa Lucia, è previsto alle 17,15.

Da Calalzo, una volta scesi dal treno, ci sono due possibilità: prima di tutto si può continuare lungo la ferrovia…in bici! Ricordiamo infatti che la pista ciclabile delle Dolomiti segue il percorso di una ferrovia in disuso, giungendo così dopo circa 60 km a Dobbiaco. L’altra opzione è quella di caricare la bici su un bus, con orario ben sincronizzato con quello del treno, per raggiungere più velocemente Cortina d’Ampezzo, da cui partire nell’esplorazione della zona.

La speranza è che questa iniziativa faccia comprendere l’importanza della multimodalità, spronando a facilitarla in contesti molto più ampi di quello, abbastanza ristretto, di cui abbiamo parlato.







Una risposta a Trenobus delle Dolomiti, il cicloturismo multimodale

  1. Tania Espinosa ha detto:

    Che Sogno!!!
    Anche a Brasile che un giorno questo sia possibile!!
    Que sonho!!!
    Que também no Brasil um dia isto seja possível!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *