MENU

Perché il 2016 sarà l’anno del cambiamento

News, Rubriche e opinioni • di 29 Dicembre 2015

Gli ultimi giorni di dicembre rappresentano l’occasione perfetta per fare un bilancio dell’anno appena trascorso pensando in modo programmatico ai 12 mesi successivi.

E se il 2015 fosse un anno come gli altri sarei molto felice di dipingere un quadro rose e fiori per rappresentare gli eventi occorsi attorno al mondo della bici, in particolare nelle ultime settimane. Ma il problema è che il 2015 non è stato un anno uguale agli altri: il 2015 è stato l’anno dello scandalo Volkswagen (con cui è stato reso noto al mondo intero come i produttori di auto ci abbiano preso per il naso per decenni) ed è un anno che si sta concludendo con un’emergenza inquinamento nelle nostre città dove la concentrazione di polveri sottili e di altri inquinanti è da oltre un mese ben al di sopra dei limiti consentiti per legge.

I risultati sono sulla gola di tutti.

inquinamento città

Per risolvere questa situazione, le città con le amministrazioni più audaci stanno rispondendo con dei timidi tentativi di limitare la circolazione delle automobili e favorire l’uso di mezzi alternativi nella speranza che arrivino al più presto il vento e la pioggia per spazzare via l’emergenza e rimandare la vera soluzione a data da destinarsi.

È per questa particolare situazione in cui tutti noi viviamo che questi ultimi giorni di dicembre non vanno più considerati solo come la fine di un anno, ma come la fine di un’epoca durante la quale il nostro paese (più di molti altri) ha compiuto delle scelte disastrose e che vanno invertite al più presto.

L’Italia è il paese europeo con il maggior numero di auto in rapporto alla popolazione e proprio le automobili sono, guarda un po’, le principali imputate per la produzione di PM10 (nella sola Milano – che già ha ridotto fortemente la circolazione delle auto grazie ad Area C – le automobili sono responsabili del 44% della emissioni di PM10 ).
Sulla base di questo dato risulta evidente come nessuno di noi, neppure i più ferventi cicloattivisti, possa permettersi di stappare bottiglie per festeggiare la prima legge di stabilità che prevede denari per le ciclovie, né per i 35 milioni di euro previsti dal collegato ambientale appena approvato per finanziare il bike to work che pure rappresentano piccoli passi nella giusta direzione.

Il problema sta proprio qui, infatti: i passi fatti sono troppo piccoli e, di fronte alla situazione che stiamo vivendo (con 84mila decessi l’anno, in Italia deteniamo il record europeo di morti per inquinamento atmosferico ) i piccoli passi, per quanto incoraggianti, potrebbero non essere sufficienti per salvaguardare la salute di tutti i cittadini italiani, della nostra in particolare.

In questa fase storica, quello che occorre è chiederci una volta per tutte se il diritto alla vita venga prima o dopo del diritto alla guida di un’automobile e se vogliamo continuare a tutelare il privilegio di pochi a danno della salute di tutti.

traffico

Il 2016 sarà l’anno delle elezioni comunali per le principali città italiane (Milano, Torino, Bologna, Roma e Napoli) e il tema della qualità dell’aria dovrà essere un tema fondante della campagna elettorale di ciascun candidato. Tutti noi che saremo chiamati alle urne non dovremo accettare nessun compromesso al ribasso (leggi: diciture fuffose a base di “provvedimenti per lo sviluppo della mobilità sostenibile”) in questo senso perché nessuno può appellarsi al concetto di qualità della vita dove la stessa vita è messa a repentaglio tutti i giorni.

E noi che pedaliamo tutti i giorni dovremo finalmente smettere di chiedere piste ciclabili, ma dovremo iniziare a chiedere e a impegnarci direttamente affinché le automobili private vengano sbattute fuori dalle nostre città, sostituite da sistemi di trasporto pubblico e mezzi privati a impatto zero.

Qualcuno sicuramente cercherà di fare melina invocando l’arrivo imminente della maturità dell’auto elettrica che risolverà ogni problema, ma il tempo stringe e la nostra vita rischia di scorrere via veloce. Troppo veloce per stare ad aspettare che che il nostro apparato respiratorio impari a convivere con le polveri sottili e gli ossidi di azoto e che gli ingegneri della Volkswagen e della FIAT si mettano al passo coi tempi dopo che per 100 anni hanno parlato esclusivamente di motore a scoppio.

Una cosa è certa: se nel 2016 ci vogliamo aspettare un benché minimo cambiamento, occorrerà rispolverare il concetto di cittadinanza attiva e fare in modo che tutti coloro che hanno a cuore la propria esistenza e la propria salute inizino a occuparsi direttamente delle politiche pubbliche che li riguardano in prima persona. Si tratterà di vincere diffidenze e superare distinguo e celolunghismi di varia natura per riuscire aggregare tutti coloro che hanno un obiettivo comune: la sopravvivenza.

Personalmente, non posso non dirmi ottimista e questo per un solo motivo: perché ormai non abbiamo altra scelta.

Buon 2016, quindi, a tutti voi che siete disposti a cambiare: insieme cambieremo questo Paese.







12 Risposte a Perché il 2016 sarà l’anno del cambiamento

  1. Sergio ha detto:

    Credi sia possibile arrivare al modello francese, dove per chi rinuncia alla macchina per recarsi al lavoro, in favore della bici, vengono riconosciuti dei soldini? Articolo perfetto il tuo, stona solo dove dici “preso per il naso”…

    • Paolo Pinzuti ha detto:

      Ciao Sergio,

      In teoria il collegato ambientale alla legge di stabilità del 2014 (appena approvato) instituisce un fondo di 35 milioni di euro proprio per finanziare questo tipo di attività.
      Vediamo come saranno spesi.

      Un caro saluto

  2. alberto ha detto:

    non credo che l’auto elettrica risolverà i problemi…
    non ci siamo attrezzati a sufficienza con il solare per un cambiamento così forte…alla fine quello che non produci in città lo produrresti altrove…
    e poi rimane sempre la questione dello smaltimento delle batterie esauste…
    senza contare che il traffico non sarà eliminato…sarà solo fatto di auto elettriche…

    allo stesso modo non credo nella soluzione “sbattere” fuori le auto: aiuterà solo a radicalizzare le posizioni al pari del ridicolo (per me) limite dei 30 km orari.
    belle utopie ma niente più.

    la soluzione non è unica ma si compone di diverse azioni:
    – telelavoro imposto a chi svolge una mansione che lo permette
    – bike lane e ciclabili
    – corsie preferenziali “vere” per i mezzi pubblici e controlli veri sull’evasione del biglietto
    – adeguamento dei riscaldamenti eliminando quelli più inquinanti
    – per le auto il vero obiettivo da raggiungere è bloccare le facilitazioni che ora sono largamente concesse (doppia fila in primis o cmq sosta a cdc), anche in tema di revisioni, assicurazioni scadute, revisioni, emissioni etc etc

    i miglioramenti verranno da soli.

    • Paolo Pinzuti ha detto:

      Ciao Alberto,

      L’auto elettrica non risolverà i problemi, su questo siamo d’accordo.
      Sullo sbattere le auto fuori dalle città, dobbiamo prendere una posizione: o le eliminiamo (rendendole superflue) o ce le teniamo.
      Tu quale opzione scegli?

      A giudicare dalle proposte che fai, direi che sei d’accordo con noi: creiamo alternative per fare in modo che le auto non siano più necessarie in città.
      È il percorso che stanno facendo molte città in Europa (Amburgo, Oslo, Parigi, etc), eppure lì non è avvenuta alcuna radicalizzazione delle posizioni.

      Sul ridicolo limite dei 30 km/h. È ridicolo se guidi, se invece sei quello che sta attraversando la strada a piedi, forse tanto ridicolo non è.

  3. Flavio ha detto:

    Le corsie preferenziali sono un metodo semplice, poco costoso per rendere efficenti e veloci i mezzi pubblici. Con specifico riferimento a Roma, ce ne sono veramente poche.
    Non sono realizzate perchè le strade sono destinate a parcheggi per le auto e se si togliessero questi parcheggi la gente , abituata a prendere la macchina anche per fare un chilometo, si arrabbierebbe non poco.
    Sono schifato da questa città. Mentre le altre città europee puntano sul trasporto pubblio, sulle piste ciclabili, sulle pedonalizzazioni……qui non cambia nulla…..Metro e tram non vengono progettati perchè costano troppo e tutta la mobilità è incentrata sull’auto, tanto che l’auto viene tollerata anche quando sta sopra i marciapiedi o in doppia fila.
    Perdonate il mio sfogo e il mio pessimismo. Vi leggo sempre con interesse.

    • Paolo Pinzuti ha detto:

      Ciao Flavio e grazie del tuo commento. Roma purtroppo è una città che fa cadere le braccia per molte cose e il traffico è una su tutte.
      Però sono ottimista e credo che anche Roma, un giorno, cambierà.
      Buone pedalate e buon 2016

  4. ijk-ijk ha detto:

    Togliere le auto dalle citta è un concetton sbagliato. Bisogna toglierle ovunque. Nelle campagne ci sono più auto per abitante e vengono fatti pi km. Se vietiamo alle auto l’accesso alle città la gente le abbandonerà per i suburbi e le campagne. Avremo più auto e pi consumi di carcurante globali

    • Paolo Pizzuti ha detto:

      Carissimi buon 2016 in bici,leggo con interesse l’articolo ma ci ritroviamo a dire sempre le stesse cose tra noi che usiamo questo splendido mezzo,il vero problema sono le teologie:denaro,auto,bella vita,egoismo ecc.ecc.,la nostra sfida è contraporre un una teologia diversa forte e chiara se se e senza ma basata su una forte controtedenza culturale.un cro abbraccio Paolo

      • Paolo Pinzuti ha detto:

        Ciao Paolo,

        Nessuna teologia: le endorfine che produciamo pedalando avranno la meglio su qualunque ragionamento.
        È solo questione di tempo. :)

        Buon anno anche a te

    • Paolo Pinzuti ha detto:

      Ciao,

      le auto vanno tolte dove queste sono superflue: in città le auto private occupano spazio e creano traffico perché è dove c’è una maggiore concentrazione della popolazione.
      Togliere le auto dalle campagne significherebbe impedire alle persone di muoversi: se in città ci sono (o possono essere create) alternative di mobilità, nelle campagna è difficile ipotizzare sistemi efficienti di trasporto pubblico.
      Cominciamo a ridare le città alle persone, poi passiamo al resto del territorio. :)

  5. Michele ha detto:

    Perché il 2016 sarà l’anno del cambiamento, lo trovo come un articolo sterile, lungo e palloso. La barba l’avevo fatta stamattina, ora mi tocca radermi un’altra volta. Povero me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *