Inserita la Ciclovia dell’Acquedotto nella legge di stabilità

20 Dicembre 2015

Non solo GRAB, Ciclovia del Sole, e VenTo: la Camera dei Deputati ha approvato nel pomeriggio di ieri l’inserimento della Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese tra i progetti a priorità nazionale che dovranno essere finanziati con la legge di stabilità 2016.

Uno scorcio del pezzo attualmente realizzato della Ciclovia dell'Acquedotto

Uno scorcio del tratto già realizzato della Ciclovia dell’Acquedotto

A darne conferma è stato, a mezzo twitter, lo stesso ministro dei trasporti, Graziano Delrio

L’inserimento è avvenuto dopo la presentazione di un doppio emendamento a prima firma del deputato PD Salvatore Capone e del deputato M5S Diego De Lorenzis che hanno immediatamente recepito la richiesta della nostra testata e del Coordinamento dal Basso per la Ciclovia dell’Acquedotto di inserire anche un progetto del Sud Italia tra le ciclovie da ritenere di interesse nazionale.

L’emendamento è stato approvato con 421 voti favorevoli e un solo voto contrario.

Nella giornata di venerdì scorso l’hashtag #mancailsud volto a evidenziare questa mancanza era rimasto per diverse ore tra i temi maggiormente discussi su twitter (trendtopic) dove ha scatenato profondi battibecchi e ondate di indignazione nella community di cinguettatori.

“Per la prima volta lo Stato investe sulla bicicletta – ha dichiarato Paolo Gandolfi, consulente per la ciclabilità del MIT. – Una novità assoluta, un buon inizio. Nella legge di stabilità 91 milioni di Euro per ciclovie turistiche, velostazioni presso le stazioni ferroviarie e zone trenta nelle città. Voglio sottolineare soprattutto questi due aspetti, nascosti dalla rincorsa ai progetti per le ciclovie, tra cui la ciclovia del Sole, Vento, Grab, Acquedotto pugliese e altre che si aggiungeranno. La bicicletta deve essere il mezzo principale con cui si muovono le nostre città, la sicurezza e l’interscambio col trasporto pubblico sono fondamentali e nella legge di stabilità ci sono per la prima volta i soldi per cambiare il modo di muoversi nelle città italiane.”

Per sapere come saranno spartiti i 94 milioni di euro che la legge di stabilità prevede per il finanziamento delle 4 ciclovie, occorrerà aspettare il decreto attuativo che è atteso entro la prossima primavera.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti