MENU

Shimano: sempre più freni a disco per bici da corsa

News • di 4 Aprile 2016

L’evoluzione tecnologica riguardo agli impianti frenanti per bici da corsa sembra non avere tregua. È infatti di questi giorni la notizia, da parte della casa giapponese Shimano, del lancio di una linea di freni a disco idraulici relativi al gruppo Tiagra. Dopo aver introdotto i freni a disco nei gruppi Ultegra e 105 nel 2015 e nel Sora a inizio 2016, l’azienda nipponica propone (in commercio da Luglio 2016) i freni a disco anche per il gruppo più diffuso sulle bici da corsa di primo montaggio. Infatti il Tiagra si posiziona come un gruppo di media gamma tra le proposte per bici da corsa di Shimano, un gradino sotto il 105, e lo si trova spesso installato sulle bici destinate agli amatori o a chi si avvicina al mondo della strada e desidera una trasmissione con un buon compromesso tra peso e resistenza.

Tiagra_1

L’impianto frenante per il gruppo Tiagra, denominato BR-RS 405, sarà composto dalle leve freno STI, dotate di serbatoio per olio idraulico e comando cambio meccanico, e dalle pinze freno, pensate per essere montate su telai con alloggiamento Flat Mount.

Tiagra_2

Completano il sistema i rotori, fissabili al mozzo tramite il sistema Centerlock, che verranno proposti sia da diametro 140mm che da 160mm (per montare quest’ultimi serviranno gli adattatori). I rotori sono realizzati con la tecnologia ICE, che consente di evacuare meglio il calore, riducendo al massimo il pericolo di un brake fade da surriscaldamento dell’olio.

Tiagra_3

Nonostante l’applicazione dei freni a disco idraulici sulle bici da strada sembri essere ormai una realtà consolidata (tanto che l’UCI eliminerà l’embargo dalle competizioni dal 2017), tra gli appassionati (e molti lettori di Bikeitalia) continua a serpeggiare un certo scetticismo. Se sulle mtb la tecnologia a disco è vista come indispensabile, tanto da far definire “cancello” una bici che ne sia sprovvista, sulle bici da strada questa innovazione non viene vissuta con lo stesso spirito. Numerosi test hanno dimostrato che i freni a disco, anche su bici da strada, presentano indubbi vantaggi: una frenata più potente, una modulabilità eccellente e una costanza di rendimento anche in situazioni di forte pioggia.

Tiagra_4

Per questo abbiamo chiesto a Marco Cittadini, marketing manager di Shimano Italia, quale sia il punto di vista dell’azienda giapponese riguardo i freni a disco per bici da strada: “La trattazione di questa materia è complessa, soprattutto perché tocca un qualcosa che ha a che fare con la tradizione della bici. Quello che posso dire è che se anche ci fosse uno e un solo elemento che i nuovi impianti frenanti migliorano rispetto all’atto del frenare paragonato al sistema tradizionale, a parità di tutto il resto, allora non è insensato passare al nuovo, anzi, mi verrebbe da dire doveroso”.

“In MTB” – prosegue Cittadini – “sono anni che viene impiegata questa tipologia di freni e nessuno tornerebbe al sistema dei cantilever. Per non parlare di quanto stiamo osservando a livello di ciclocross dove la scelta dei top rider è premiante proprio verso i freni a disco idraulici”.

Quindi freni a pattino spariranno dalle bici da corsa? “Su questo non sono d’accordo. Perchè l’affermarsi di un sistema deve necessariamente prevedere la morte di un altro? Noi in Shimano produciamo con orgoglio sistemi di componenti a 7, 8, 9 e 10 velocità per tutte le esigenze di ciclomobilità, e continueremo a farlo in parallelo allo sviluppo dell’11 velocità, delle cassette da 46 pignoni e dell’elettronica”, conclude Cittadini.

La visione di Shimano ci sembra chiara e determinata: i freni a disco non sostituiranno i tradizionali freni a pattino, bensì ne diventeranno un’integrazione. Come sempre saranno gli utenti finali a decidere quale standard sia il più adatto alle proprie esigenze.
I freni a disco sono, secondo la nostra opinione, un’innovazione notevole anche su strada, dove sicuramente apporteranno i vantaggi riscontrati nel mondo delle ruote grasse. Possono piacere o no, questo è soggettivo, ma chi li ha provati raramente torna ai freni a pattino.







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *