Velocipedia, sai disegnare una bici a memoria?

13 Aprile 2016

VELOCIPEDIA_IN_EVIDENZA

Molti lettori di Bikeitalia pedalano ogni giorno e hanno una o più biciclette, magari appese sulla parete in salotto o sistemate nell’ingresso: ma quanti di loro – cioè voi – sarebbero in grado di disegnare a memoria la classica bicicletta da uomo, senza guardare un modello da ricopiare e affidandosi solamente ai propri ricordi?

VELOCIPEDIA_BICI_5

VELOCIPEDIA_BICI_3

Ebbene, pare che non sia così semplice farlo: lo dimostra il progetto “Velocipedia” del designer e visual artist Gialunca Gimini, che dal 2009 “gira munito di carta e penna per chiedere a bruciapelo ad amici e totali sconosciuti di disegnargli una bicicletta”, come riporta l’Huffington Post Italia raccontando la sua storia.

VELOCIPEDIA_BICI_6

VELOCIPEDIA_BICI_2

Questa notizia curiosa sta girando in Rete in questi giorni, non a caso proprio mentre a Milano è in corso la Design Week e per il Fuorisalone Rossignoli ha in programma la due giorni “Biciclette Ritrovate“: con le due ruote che hanno fatto la Storia. Un progetto nato quasi per caso una sera, in un bar di Bologna, quasi come sfida tra amici: “Tutti sanno com’è fatta una bicicletta…”, eppure provando a disegnarla su un tovagliolo ci si accorse che la cosa non era affatto così semplice come appariva. In questi anni Gimini ha raccolto centinaia di altri disegni, la maggior parte completamente “sbagliati” anche se nella sua ricerca l’errore è proprio l’elemento virtuoso, che gli ha permesso di accumulare un campionario incredibile di nuove tipologie di velocipede: da qui il nome del progetto Velocipedia.

[smartslider2 slider=”15″]

Il designer attualmente è in cerca di uno sponsor per pagarsi delle stampe in grande formato e presentare al pubblico il progetto completo, ma intanto in questi mesi è uscito dalla fase di “raccolta del materiale” e ha dato inizio alla fase due: selezionando alcuni degli esemplari più bizzarri e restituendone rappresentazioni perfettamente realistiche, ha trasformato gli schizzi in progetti realizzati (anche se solo virtualmente) nel modo più fedele possibile. Il suo scopo non è assolutamente quello di stigmatizzare gli errori, ma piuttosto quello di sottolineare come dalla fantasia di ciascuno, senza distinzione di età, genere e occupazione, possano scaturire idee nuove e incredibili.

E voi come la disegnereste la vostra bici a memoria?

VELOCIPEDIA_BICI_4

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti