Il terrorismo usa l'auto, ma si bloccano le bici - Bikeitalia.it

Il terrorismo usa l’auto, ma si bloccano le bici

6 Giugno 2017

Nelle scorse settimane a Londra ci sono stati due attentati durante i quali alcuni terroristi hanno fatto uso di automobili per investire le persone che camminavano su due ponti sul Tamigi.
La soluzione? Installare delle barriere fra la strada e la parte pedonale dei ponti… proprio dove ci sono le piste ciclabili!
Guardate questa foto postata su Twitter da un giornalista della BBC: la nuova barriera ha coperto quasi completamente la corsia ciclabile.


Le barriere servono a poco: chi vorrà fare attentati potrà comodamente farli sulle altre strade non protette. E a quel punto cosa si farà? Si dovrà ricoprire Londra di barriere? Una città ingabbiata?
Per ora l’unico risultato concreto ottenuto con questa mossa è la cancellazione parziale o totale delle piste ciclabili. Non si sarebbero potute mettere queste barriere fra la corsia per le auto e quella ciclabile, togliendo spazio ai mezzi motorizzati?
Senza contare che dal punto di vista politico sarà ora molto difficile togliere le barriere: immaginate che il sindaco ordini la loro rimozione, e che in seguito ci sia un attentato… Il sindaco sarebbe costretto a dimettersi.
Speriamo che questa soluzione d’emergenza venga ripensata con più calma nelle prossime settimane in modo da restituire lo spazio tolto alle bici: Londra è una città che sta diventando sempre più amica della bici, e questa mossa è una anomalia rispetto a quanto si sta facendo in generale.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti