Bici elettriche economiche: come sceglierne una senza pentirsi

27 Febbraio 2018

Il mercato delle bici elettriche è in grande espansione, e i produttori offrono sempre nuovi modelli per raggiungere un numero maggiore di clienti. Poiché ultimamente le bici elettriche sono “di moda”, sono sempre più frequenti le offerte di bici elettriche economiche. Sono offerte veramente convenienti? Come evitare di incorrere in delusioni?

Leggi anche: Guida alle tipologie di ebike

ebike-shimano-willier

Il prezzo di una bici elettrica è determinato principalmente dalla qualità dei componenti utilizzati. Spendendo poco non ci si può aspettare di avere il top della qualità. Le bici elettriche economiche comunque possono essere un buon acquisto, se si è consapevoli dei loro limiti.

Prima di tutto, sgombriamo il campo da un possibile equivoco: non stiamo parlando qui delle “bici elettriche” (fra molte virgolette) da poche centinaia di euro, offerte in vendita nei supermercati, o da rivenditori poco seri. Sono mezzi che vi sconsigliamo assolutamente: sono pesanti, poco sicure, con scarsa autonomia, e soprattutto con batterie che solitamente smettono di funzionare dopo pochi mesi, se non dopo poche settimane.

Intorno ai 1000 euro, però si possono già incontrare delle bici elettriche di discreta qualità, facenti parte magari della fascia bassa di produttori che hanno a listino anche modelli più evoluti. Una bici elettrica in questa fascia di prezzo (900-1100€)  avrà probabilmente un telaio in acciaio, una batteria magari anche al litio, ma con scarsa capacità, un motore del tipo “con spazzole”, un semplice sensore di pedalata, un computer di bordo con solo le funzioni essenziali…In definitiva, e ciò che più importa, sarà una bici pesante e con scarsa autonomia. Se pensate di usarla su percorsi brevi (10-15km) e con nessuna salita, e se non dovete sollevare spesso la bici (per farle fare una rampa di scale ad esempio), allora una bici così potrà lasciarvi soddisfatti. Il nostro consiglio è comunque quello di spendere qualcosa in più ed avere un mezzo di buona qualità.

È necessario però fare attenzione, soprattutto all’assistenza post-vendita. Cercate delle garanzie precise da parte di rivenditore e produttore riguardo alla disponibilità di pezzi di ricambio, e alla possibilità di sostituzione gratuita in caso di rottura durante il periodo della garanzia. Particolarmente importanti sono le condizioni relative alla durata della garanzia sulla batteria: alcuni produttori offrono una garanzia completa di 2 o persino 3 anni – se le prestazioni della batteria decadono significativamente entro questo periodo, essa vi verrà sostituita gratuitamente. Altri produttori invece offrono una garanzia “a calare”: ad esempio la sostituzione della batteria può essere gratuita solo in caso di difetti manifestatisi entro 6 mesi; per il periodo successivo, il cliente è chiamato a contribuire alla spesa per una nuova batteria, in misura sempre crescente.

Leggi anche Tutte le informazioni utili per conoscere meglio il mondo delle ebike.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti