MENU
viaggi girolibero

In bici sulla piana di Castelluccio di Norcia

Diari, News • di 20 Luglio 2018

Prima l’odore acre delle macerie e della distruzione, poi l’aria sottile e fresca del valico di Forca di Presta e infine la piana con i suoi colori e la sua roccaforte ferita.

Sono tornato dopo 2 anni, non avevo il coraggio prima. E l’unica maniera per arrivarci era la bicicletta, assaporare il tramonto sulle pendici maestose e vedere poi la via lattea.

di Sandro Capobianchi

Nota della redazione: torniamo a far vivere i luoghi dell’Appennino centrale colpiti dai terremoti degli scorsi anni; torniamoci con rispetto, in bici o a piedi; parliamo con gli abitanti; usiamo i servizi offerti. Dal terremoto alla bici.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *