MENU

FIAB invoca l’intervento del Governo sull’intermodalità bici+treno

News • di 5 Luglio 2019

La Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta (FIAB), per mano del neo eletto presidente Alessandro Tursi, scrive al Ministero dei Trasporti per chiedere di indirizzare le regioni a un allestimento bike friendly dei nuovi treni regionali.

La lettera, indirizzata al Ministro Danilo Toninelli, chiede apertamente di prendere una decisione forte che possa guidare le regioni intente a rinnovare il materiale rotabile al fine di promuovere l’intermodalità bici+treno e di conseguenza promuovere il cicloturismo nazionale.

La richiesta arriva a fronte delle prime consegne dei nuovi treni regionali che stanno avvenendo in questi mesi, dove le indicazioni della FIAB per il trasporto delle biciclette sono passate quasi del tutto inosservate.

Il presidente Tursi è preoccupato che le regioni possano perdere un’occasione storica per lo sviluppo dell’intermodalità in Italia. Infatti, la nuova flotta di treni regionali Pop e Rock andrà a sostituire in modo progressivo i vecchi vagoni che ormai viaggiano sulla rete da più di trent’anni.

webinar bike manager

L’Emilia Romagna ha visto l’ entrata in servizio dei nuovi treni ormai da circa 3 mesi. La soluzione adottata per ospitare le biciclette non convince però la FIAB, che ha più volte richiesto degli spazi multifunzionali dove depositare i mezzi. L’allestimento dei nuovi convogli varierà in base alle richieste delle singole regioni, per questo l’appello di FIAB può ancora essere ascoltato.

Secondo Tursi, Governo e Parlamento sono ancora in tempo per chiedere ai costruttori che vengano adottate soluzioni di trasporto intelligenti, che sappiano conciliare le esigenze dei pendolari con un futuro in cui la bicicletta sarà sempre più al centro degli spostamenti quotidiani.







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *