Women in Cycling: nasce il network delle donne del mondo della bici

8 Marzo 2021

Women in Cycling è un’iniziativa congiunta di CIE (Cycling Industries Europe), ECF (European Cyclists’ Federation), Velokonzept, Mobycon, con l’obiettivo di promuovere l’uguaglianza e la diversità nell’industria della bicicletta.

women in cycling

Tutto nasce da una domanda semplice: dove sono finite le donne?

Basta guardarsi attorno: provate a partecipare a un evento per la stampa organizzato da produttori per lanciare un nuovo modello di bici, provate a guardare l’elenco dei relatori delle conferenze, provate a farvi un giro in bici su strada o in MTB e fatevi una domanda: “Dove sono le donne?”.

La risposta è che non ci sono, oppure non sono visibili.

Lancio dell’iniziativa Women In Cycling

Pochi giorni fa l’iniziativa WIC – Women in Cycling è stata lanciata a un ampio pubblico curioso e entusiasta durante un evento virtuale che ha coinvolto migliaia di persone collegate.

Il discorso di apertura è stato affidato a una delle figure più importanti del settore, Bonnie Tu, fondatrice di Liv Cycling e presidente di Giant Bicycle Group, che ha raccontato la propria esperienza personale: appena insediata, andò alla ricerca di una bici per sé, ma si trovò di fronte solamente a un catalogo sterminato di biciclette e accessori pensati per gli uomini. Così maturò la decisione di creare un nuovo brand di bici di altissima qualità per soddisfare le esigenze di tutte quelle donne alla ricerca della più alta performance sportiva.

E la decisione fu sicuramente vincente perché la pandemia ha quadruplicato la domanda di biciclette rispetto al 2019, la mobilità urbana sta subendo un rapido cambiamento con la crescita dei numeri di ciclisti a doppia cifra in molte città in Europa e nel mondo, nuovi utenti della bicicletta hanno la necessità di trovare prodotti e servizi adatti per loro. Un maggiore equilibrio di genere e una maggiore inclusività sono la chiave per il bene del settore e del movimento ciclistico nel suo insieme.

women in cycling
L’evento online per il lancio del WIC

Dopo Bonnie Tu sono intervenute altre donne del settore e anche io ho avuto l’onore di prendere la parola in quanto ambasciatrice del Women in Cycling. Nel corso del mio intervento ho parlato del mio lavoro in Bikeitalia e di quanto sia importante creare contenuti per diffondere idee, convincere le persone e attivare le donne per:

  • Usare la bici
  • Lavorare nel mondo della bici
  • Promuovere l’uso della bici

Women In Cycling nasce con l’obiettivo di creare opportunità di networking per le donne, promuovere politiche di inclusività e combattere la cattiva pratica di panel di relatori che troppo spesso sono tutti maschi. Lo strumento principale è il portale dedicato: cyclingindustries.com/wic

Dove sono le donne del mondo della bici in Italia?

La visione di Women In Cycling è quindi di un settore della bici diversificato e inclusivo che offra pari opportunità e che permetta alla bicicletta di raggiungere il suo pieno potenziale. 

E l’Italia, principale produttore in Europa di biciclette, non deve e non può fare eccezione. Da operatrice del settore, mi permetto di dire che nell’industria della bici le donne di certo non mancano e in alcuni casi hanno anche dei ruoli di importanza strategica. Quello che in molti casi ancora manca è la visione della bicicletta come un articolo sportivo per tutti e non “per soli uomini” perché, al di là delle questioni di parità di genere, c’è anche una questione di opportunità economica: allargare l’offerta di prodotto alle donne significa raddoppiare ulteriormente le potenzialità di vendite.

Da dove partire? Un ramo italiano del Women in Cycling sarebbe sicuramente un buon primo passo per scambiarsi idee e iniziare un percorso di inclusività.

E buon 8 Marzo

Lascia un commento

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti