Come trasformare un attraversamento stradale da pericoloso a sicuro - Bikeitalia.it

Come trasformare un attraversamento stradale da pericoloso a sicuro

20 Luglio 2022

Attraversamento stradale: da pericoloso a sicuro. Qualche giorno fa su Bikeitalia nella rubrica “Pedalate in Faccia” abbiamo pubblicato una critica verso quei progettisti (e amministratori) che non realizzano correttamente gli attraversamenti ciclabili, interrompendo il percorso per le bici in corrispondenza delle strisce pedonali.

Ma quando c’è un intervento ben fatto che migliora la sicurezza stradale di un attraversamento per tutti è il caso di sottolinearlo.

L’assessore alla Mobilità Urbana e Sostenibile del Comune di Lecce Marco De Matteis ha postato sulla propria pagina Facebook le foto “prima” e “dopo” relative all’attraversamento di Viale De Pietro: è stato rialzato, sono state realizzate le isole salvagente, sono stati realizzati i quadrotti ai lati delle strisce pedonali e i pittogrammi delle bici per evidenziare l’attraversamento ciclabile.

Come sottolinea l’assessore De Matteis: “Sono ancora numerosi gli investimenti di pedoni in città, le isole salvagente obbligatorie su carreggiate superiori ai 10 mt tutelano il pedone mettendolo in sicurezza lungo il tragitto, le rampe garantiscono accesso alle persone con disabilità e ai genitori con passeggini”.

Ma i lavori non sono ancora finiti: “Nelle prossime settimane installeremo il pavimento tattile per le persone con disabilità visiva e i pannelli luminosi integrativi di indicazione. L’attraversamento ha una pendenza pari al 10% ,se vi risulta troppo alto è solo perché state andando troppo veloce! Rallentiamo la velocità su strada che a piangere vittime ormai siamo tutti tristemente abituati!”, conclude De Matteis.

In tutta Italia sono ancora troppi gli attraversamenti in ambito urbano che risultano pericolosi soprattutto per gli utenti fragili della strada: trasformarli e migliorarli per aumentarne la sicurezza è un compito che tutti gli amministratori dovrebbero darsi.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti