Pedalate in Faccia | Parte Area B, ma a Milano le auto sono sempre troppe

5 Ottobre 2022

A Milano lunedì 3 ottobre si è scatenato l’inferno. No, non sono arrivati i missili di Putin, ma è scattato il divieto di accesso per i diesel euro 4 e 5.

Nonostante la cosa fosse stata decisa e ribadita da tempo – non comunicata, ché la comunicazione è tutta un’altra cosa – la sua attuazione è piovuta su un popolo ignaro che, a quanto pare, si era rimpinzato di diesel euro 5 fino alla sera prima, e così è partita inevitabile la rivolta.

Certo il momento non è dei migliori con le bollette che ci esplodono nelle tasche, ma il passo era dovuto se vogliamo respirare un po’ meglio.

Però, però… il 3 ottobre mattina, e così i giorni seguenti al nuovo divieto, uscendo di casa, mica ci si è accorti del cambiamento: soliti bus fermi in coda, solite soste sui marciapiedi, in tripla fila e in ogni buco, solite sgommate ai semafori, solite prepotenze verso pedoni e ciclisti; perché le auto escluse dal provvedimento alla fine non erano poi così tante, e perché le auto che continuano a poter entrare – e a queste, statene certi, non si potrà applicare alcun divieto per molto tempo – sono sempre, esageratamente troppe.

Tutta questa vicenda ha quindi lasciato un messaggio profondamente sbagliato, e cioè che esistono auto ‘cattive’ ed esistono auto ‘buone’, e che se abbiamo un’auto ‘buona’ potremo continuare a comportarci come sempre: da cattivi.

Masterclass in Meccanica Ciclistica

Trasforma la tua passione in una professione

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti