MENU

In bici da Trieste verso il Carso Sloveno

Carso Sloveno, Itinerari, Slovenia • di

Una settimana in bici nel Carso Sloveno, inclusa una visita alla capitale Lubiana: il viaggio inizia da Trieste.
attraversamento confine

Pedalando nel Carso Sloveno, è possibile scoprire un paese con un altissimo potenziale cicloturistico: strade secondarie in perfette condizioni e con scarsissimo traffico; foreste, castelli, grotte e villaggi da esplorare; un’offerta alberghiera ed enograstronomica di qualità. Il tutto a poche pedalate dall’Italia.

mappa generale
Una visione d’insieme del viaggio

Con questa serie di articoli vogliamo fornirvi degli spunti per organizzare un viaggio in bici nel Carso Sloveno, fornendovi tutte le informazioni necessarie.

Trieste

trieste in bici

Punto di partenza ideale per esplorare il Carso Sloveno in bici è Trieste, città facilmente raggiungibile in treno da gran parte d’Italia (Alta Velocità fino a Mestre; regionale veloce fino a Trieste).

trieste

Il centro storico della città, quasi interamente chiuso alle automobili, può essere piacevolmente percorso in bici, pedalando pigramente fra Piazza Unità d’Italia e Piazza Sant’Antonio Nuovo. Fermatevi in città per una notte, in modo da partire riposati la mattina seguente.

albergo

Per il pernotto è consigliabile cercare un hotel in zona San Giusto, in posizione strategica: a due passi da uno dei ristoranti più tradizionali di Trieste, “Da Libero”, e a due pedalate dall’inizio della pista ciclopedonale Giordano Cottur, che si prende dall’inizio di via Orlandini.

La pista ciclopedonale da Trieste a Kozina

pista ciclopedonale

Questa pista ciclopedonale, lunga circa 15 km e con una pendenza media del 4%, ricalca il tracciato di una antica ferrovia di fine Ottocento. I treni, così come i ciclisti, amano salire con pendenze regolari e mai troppo pronunciate; questo permette di godere del panorama sul Golfo di Trieste in corrispondenza di alcuni spettacolari ponti.

panorama trieste

Poco prima del confine, si attraversano una serie di gallerie scavate nella roccia della Val Rosandra; la più lunga ha una illuminazione automatica che si accende man mano che ci si pedala dentro.

galleria

L’arrivo in Slovenia

Grazie al trattato di Schengen, basta un semplice cartello per avvisare i cicloturisti che stanno entrando in territorio sloveno. La pista ciclopedonale Giordano Cottur finisce in corrispondenza dell’abitato di Kozina. Qui si incontra la compagna di viaggio per il resto della giornata: la strada 409, che si imbocca facilmente prendendo a sinistra dalla fine della pista ciclopedonale.
Si dovrà percorrere la strada 409 verso nord per circa 30 km.

strada 409

La strada è riservata al traffico locale, e collega i vari villaggi della valle; il traffico di scorrimento corre lungo la parallela autostrada, quindi è possibile pedalare in tutta sicurezza, con le automobili che sono solo una rara presenza e un asfalto in ottime condizioni. La strada è piacevole, ondulata, immersa in un panorama verdissimo. In corrispondenza dell’abitato di Dilce si lascia la strada 409 con un bivio a sinistra, con le indicazioni per Landol: gli ultimi 3 km portano in questo villaggio di poche case immerso nella campagna.

landol

Landol

La Lipizzaner Lodge è un agriturismo molto accogliente, gestito da una signora finlandese e suo marito, gallese; dopo aver girato l’Europa in tanti anni, hanno deciso che questa parte della Slovenia era il luogo migliore per vivere e lavorare; la presenza di turisti da ogni parte del mondo (perfino l’Australia) dà loro ragione.

lipizzaner lodge

L’ottimo cibo e le tisane che è possibile degustare in questo agriturismo, insieme alla tranquillità dell’ambiente, sono la conclusione perfetta per una giornata in bici, la prima di questo viaggio alla scoperta del Carso Sloveno.tisana

 

Mappa

Profilo altimetrico


Scarica la traccia GPS
Ringraziamo Brinke Bike per aver fornito due bici Rushmore 2 per il viaggio





3 Risposte a In bici da Trieste verso il Carso Sloveno

  1. Ugo ha detto:

    Buongiorno, avrei bisogno di una informazione.
    io vorrei fare questa via che proponete da Trieste a Lubjana questa estate. Per le altre tappe, quando ne parlate? esiste qualche libro o mappa che spieghi il percorso?
    Ho scoperto che fa parte della ciclovia Eurovelo 9, ma non trovo in siti internet indicazioni o addirittura libri a riguardo.
    Gentilmente mi potreste dare qualche informazione?
    Grazie Ugo

  2. chiara ha detto:

    Ciao, mi ha sempre affascinata come zona.. e anche noi vorremmo percorrerla a fine agosto… spero il clima non sia troppo caldo… :O Alcune domande/curiosità: sarebbe il mio secondo cicloviaggio… è abbastanza fattibile per una principiante? e poi.. trovare posti in cui dormire è difficile? ultimissima..il campeggio libero è permesso o almeno “tollerato”? Grazie!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter


Privacy