Dal Carso Sloveno a Lubiana in bici

In questa tappa ci si lascia alle spalle il Carso Sloveno, dopo quattro giorni di esplorazioni fra grotte, castelli e foreste dove vive l’orso.

carso sloveno in bici

55 km portano dalla ex-caserma della Guardia di Finanza di Rakov fino al centro di Lubiana, capitale della Slovenia.
Il percorso può essere diviso in due metà: la prima prevede alcuni saliscendi, mai troppo impegnativi (la salita più lunga è di 4 km, al 3% di pendenza media). Una bella discesa porta alla seconda metà, nella pianura paludosa chiusa a nord-est da alcune elevazioni, in mezzo alle quali si trova Lubiana.

Mappa

A poche centinaia di metri dalla partenza, noterete un sentiero sulla sinistra: prendetelo per visitare le rovine della chiesa di San Canziano, attorno alla quale era sorto un villaggio; questi luoghi, insieme alle enormi grotte naturali della tappa precedente, sono abitati fin da tempi antichissimi.

rovine

Una leggera salita su uno sterrato in ottime condizioni porta dopo poco a prendere la statale 914, che corre parallela all’autostrada sulla quale si concentra la maggior parte del traffico automobilistico: si può quindi pedalare tranquillamente fino a Unec, dove si fa una netta deviazione a sinistra (nord).

carso sloveno in bici

Descrivendo un grande arco per evitare alcune colline e attraversare un fiume, si procede verso Laze in mezzo a una piccola vallata.

valle slovena

Qui la strada torna a salire dentro un verde e fresco bosco: sono quei 4 km di salita a cui abbiamo accennato più sopra, seguiti da altrettanti km di piacevole discesa fino a Logatec.

logatec

Un’altra discesa, più lunga e ripida, porta a Vrhnika. Siamo a poco più di metà percorso, e può essere una buona idea fermarsi qui per una sosta.

Vrhnika e la pianura

vrhnika
ivan cankar

Vrhnika è la prima città della pianura della Ljubljanica, il fiume che attraversa Lubiana; si tratta di una città che in epoca romana aveva una certa importanza, in quanto porto fluviale dove venivano scaricate le merci provenienti dal bacino del Danubio e dirette ad Aquileia; il nome latino della città era infatti Nauportus. A Vrhnika è forte il culto del più grande scrittore e poeta sloveno, Ivan Cankar, nato qui nel 1876.

Ivan Cankar ritratto nelle vecchie banconote da 10000 talleri sloveni (ora anche in Slovenia si usa l’euro)

A questo punto potete scegliere fra due alternative: l’opzione più semplice è seguire la traccia gps che trovate in questa pagina, che mostra il percorso più diretto verso Lubiana: si passa lungo piste ciclabili parallele alla strada principale, o per strade secondarie a tratti sterrate; in circa 20 km si arriva in città.

ciclabile

Altrimenti, nel centro informazioni turistiche di Vrhnika trovate una mappa dei percorsi ciclabili della pianura di Lubiana: se è ancora presto e avete voglia di pedalare, potete esplorare le zone paludose più a sud, descrivendo un ampio arco che vi riporterà comunque verso Lubiana.

percorso in bici

L’arrivo a Lubiana

Il primo impatto con la capitale della Slovenia è decisamente positivo: strade tranquille e verdi; molte piste ciclabili; automobilisti rispettosi. Si arriva nel centro storico da sud, attraversando due volte il fiume Ljubljanica.

arrivo a lubiana in bici

Chi viaggia in bici non può non fare attenzione all’ambiente: per questo l’albergo scelto è l’Hotel Park, che mette al centro la sostenibilità. Rimanete a Lubiana più giorni, in modo da dedicare tempo alla visita del centro storico, a pochi passi dall’hotel.

park hotel lubiana

Nei prossimi articoli parleremo più approfonditamente della città di Lubiana.

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti