Día 1 – Santiago del Cile

1 Maggio 2011

Santiago non è certo quel tipo di città che ti stupisce per la sua bellezza, soprattutto se si è abituati agli standard europei di città ricchissime di opere d’arte dislocate ad ogni angolo di strada.

workers

Qui gli edifici storici non possono essere considerati dei capolavori architettonici e le cose che stupiscono maggiormente sono i nuovi grattacieli tutti vetro e acciaio che si giustappongono alle vecchie minuscole botteghe, coloratissime, a due piani e che ospitano le attività commerciali più tradizionali.

plaza-leones

La prima cosa che colpisce di Santiago è la sua capacità di essere sospesa: tra l’alto e il basso, tra ricchi e poveri, bianchi e mapuchos, colletti bianchi e classe operaia, liberismo sfrenato e voglia di socialismo, Stati Uniti e Sud America.

plaza-armas

E’ difficile camminare per questa città senza sentire il peso del passato: non solo quello spagnolo e coloniale, ma anche il colpo di stato del 1973 con cui il generale Pinochet destituì con la forza il presidente Allende, democraticamente eletto, e diede inizio ad un periodo di crescita economica senza precedenti accompagnato da un uso indiscriminato e diffuso di violenza e terrorismo di stato.

L’enorme numero di carabineros dispiegato in città quasi in perenne assetto antisommossa è indice che i conti con il passato non sono ancora stati chiusi e che i contrasti interni alla società sono ben lontani dall’essere risolti.

los-dominicos

sunset

 

Segue: Santiago – Mendoza

Corso correlato

Masterclass: Bike Manager
1.499
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti