I Campioni del Ciclismo Inglese per la Campagna del Times

I campioni del ciclismo inglese per la campagna del Times

3 Febbraio 2012

times-campagna-ciclistiProsegue la campagna del Times lanciata ieri in prima pagina con il titolo “Save our cyclist” e ripresa dal sito internet in home page.
L’iniziativa, come spiegato qui, è nata dopo l’incidente che ha coinvolto una giornalista del quotidiano inglese, investita in bicicletta proprio sulla strada che la portava al lavoro.

Dopo la stesura di un manifesto di 8 punti in cui si chiedono misure concrete per garantire la sicurezza in strada ai ciclisti, oggi il Times ha proseguito nella sua importante campagna d’informazione che è stata sottoscritta tra gli altri anche dai sei campioni olimpici inglesi di ciclismo: Bradley Wiggins, Rebecca Romero, Chris Boardman, Victoria Pendleton, Chris Hoy e Nicole Cooke. A dare il proprio supporto per la battaglia “Cities fit for Cycling” anche il campione del mondo 2011 di ciclismo su strada Mark Cavendish e numerose associazioni di ciclisti urbani inglesi, nonché l’ECF (European Cyclist Federation).

L’attenzione mediatica che si è creata attorno a questa notizia è notevole; su Twitter conl’hashtag #cyclesafe è possibile seguire l’evolversi della vicenda e anche un’altra testata britannica, l’Indipendent, ha sollevato lo stesso problema in un articolo comparso stamattina. “La rivolta delle ghost bikes“, così è stata rinominata, è partita dalle famiglie di decine di ciclisti uccisi che ora si rivolgono direttamente ai politici, in particolare al Ministro dei Trasporti Mike Penning, chiedendo che sia messa fine a questa carneficina quotidiana che negli ultimi 10 anni è costata la vita, solo in Gran Bretagna, a più di 1200 persone.

Pochi minuti fa è stato pubblicato un video-animazione sulla campagna in corso del Times.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti