Cicloviaggiatrice inglese investita e uccisa in Bolivia durante il giro del mondo

30 Aprile 2014

Sharon-Bridgman

Sharon Bridgman, una cicloviaggiatrice britannica impegnata con il marito Tim in un giro del mondo in bicicletta, è stata uccisa sabato 26 aprile in un incidente stradale in Bolivia in una zona di confine con il Cile. La donna, 38 anni, originaria di Devon, è stata investita da un furgone mentre pedalava davanti al marito e ad un’altra coppia di ciclisti che si erano aggregati al momento. Il conducente del veicolo è stato arrestato.

Sharon e Tim erano partiti nel 2012 dalla Norvegia e dopo aver attraversato Europa e Africa erano giunti in Sud America. Nel loro ultimo post di aggiornamento del viaggio sul blog North 2 North Cycle Tour, datato 22 aprile, avevano raccontato degli ultimi giorni in Cile ospiti di una famiglia locale.

Appresa la notizia, la famiglia di Sharon Bridgman ha inviato un comunicato in cui si è dichiarata orgogliosa della figlia e della grande avventura che aveva scelto di vivere. “Nostro figlia era ben consapevole dei rischi a cui andava incontro” – si legge nella nota – “ma questo era ciò che amava fare. Adesso i nostri pensieri e le nostre preghiere sono per il marito Tim”.

Grazie ad una collaborazione con l’associazione no-profit ShelterBox, Sharon e Tim Bridgman erano riusciti attraverso sponsorizzazioni per il loro giro del mondo a devolvere oltre 10 mila sterline in beneficenza. Ulteriori ringraziamenti alla coppia per questa piccola impresa nell’impresa sono arrivati dal direttore dell’associazione Alison Wallace.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti