Il futuro dell’Italia è il ciclismo urbano, parola di Shimano

24 Settembre 2014

Da quando è iniziata l’avventura con bikeitalia.it ho avuto modo di confrontarmi con diverse aziende del mondo bici: dai produttori di telai a quelli di accessori di qualunque genere e tipo e, fatte salve rare eccezioni, ho sempre notato un atteggiamento diffusissimo nel settore.
Ho visto i direttori marketing di diverse aziende aggirarsi per gli stand delle fiere pronunciando la parola “carbonio” con lo stessa espressione con cui gli spacciatori dicono “crack”o “eroina” mentre approcciano i propri potenziali clienti. Li ho visti ripetere in loop “636 grammi sverniciato” riferendosi all’ultimo telaio sfornato, come se in giro ci fosse gente che si compra i telai sverniciati e, soprattutto, li ho visti con lo sguardo perso nel vuoto ogni volta in cui si parlava di cambio degli stili di vita, di come la bicicletta stia diventando sempre più importante nella mobilità del terzo millennio e di come questa stia tentando l’evasione dalla gabbia del Giro d’Italia e delle granfondo.
La risposta era spesso la stessa: “Carbonio: 636 grammi sverniciato”.

Sì, vabbè, ciao.

Poi succede che un giorno scopri che la distribuzione di Shimano viene tolta dalle mani dello storico distributore italiano e viene presa dalla casa madre stessa che crea una filiale in Italia. Succede che per capirci qualcosa di più chiami direttamente in azienda chiedendo di poter parlare con qualcuno e, invece di dirti che lo stagista del vicecapousciere (l’unico disponibile ad ascoltarti) è occupato fino al settembre 2018, ti passano direttamente al direttore generale che ti parla e ti ascolta per una mezz’oretta per poi chiederti un appuntamento per la successiva fiera.
marco cittadini
Fiera a cui questi si presenta assieme al nuovo responsabile marketing che, invece di accoglierti con una stretta di mano e uno sguardo che ti dice “Che minchia vuoi? Dai, fai in fretta che c’ho da fare (Carbonio: 636 grammi sverniciato)”, ti dice “finalmente ci conosciamo”.

Si chiama Marco Cittadini ed è il nuovo responsabile marketing del colosso giapponese che mi ritrovo di fronte a Expobici: ha i capelli e la barba lunghi, è uno di quelli che lo capisci da come si pone che bada più alla sostanza che alla forma e, così ad occhio, credo che non si depili neppure le gambe. Anche il modo di parlare è diverso dal solito: Marco è un outsider, non viene dal mondo del ciclismo, ma dal mondo dei videogiochi.

Insomma, molto molto strano.

Il nostro incontro parte con un mea culpa da parte sua per la cattiva gestione del marchio Shimano nell’arco degli ultimi anni (capito? Si prende lui la colpa di una cosa di cui non c’entra nulla!) e poi continua con una serie di buone intenzioni programmatiche per i prossimi mesi e, in particolare:
1. livellamento dei prezzi a livello degli altri paesi europei (che così che non dovranno più essere acquistati dalla Germania o dall’Olanda, come avveniva fino a questo momento)
2. assicurare la corretta distribuzione dei prodotti
3. garantire un efficiente sistema di postvendita e assistenza

Invece di parlare di prodotti e di relativi pesi specifici, Marco parla di idee, obiettivi e visioni future e, a tal proposito, dice che il futuro di sviluppo per l’Italia è il ciclismo urbano.

Me ne vado dallo stand del colosso giapponese consapevole di essere di fronte a un punto di svolta: per i negozianti, ma anche per chi pedala tutti i giorni, perché se Shimano ha capito che il futuro dell’Italia è il ciclismo urbano, i casi sono due.

O hanno preso un abbaglio (perché l’Italia è il paese del gattopardo e non cambierà mai nulla), oppure i tempi del cambiamento sono maturi e dopo tanti anni di salita, forse stiamo per scollinare e non resta che goderci la discesa.

Ma al di là di quello che possiamo pensare noi, c’è un dato di fatto oggettivo: è di oggi la notizia che Shimano ha finalmente deciso di aderire al Cycling Industry Club, il principale organo lobbistico per la promozione della ciclabilità in Europa. E se tanto mi dà tanto…

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Masterclass in Biomeccanica del Ciclismo
1.499
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti