MENU

Andare in bici può aiutare a dormire meglio

News • di 27 Maggio 2015

bici-sonno
Quando le giornate sono molto frenetiche, si tende spesso a rinunciare ai propri momenti di svago e di relax per portare a termine tutti gli impegni. Chi ama andare in bici ad esempio potrebbe saltare la sua uscita quotidiana, senza sapere però che questa scelta potrebbe comportare maggiori difficoltà nel prendere sonno.

È quanto sostiene un nuovo studio realizzato dai ricercatori della University of Georgia, che nell’arco di 35 anni hanno analizzato il comportamento di 8 mila uomini e donne rilevando che con la progressiva perdita della forma fisica ideale, veniva meno anche la capacità di dormire una notte ininterrottamente. Secondo la ricerca, i primi effetti negativi sul sonno si cominciano a verificare con un calo del 2% dell’attività fisica negli uomini e del 4% nelle donne. “In particolare – spiega Rodney Dishman, docente della University of Georgia e uno degli autori dello studio – l’età media delle persone in cui si sono verificati questi sintomi è compresa tra i 40 e i 60 anni”.

I ricercatori non sono ancora riusciti a motivare scientificamente la correlazione tra i due eventi, che secondo alcune ipotesi avrebbe a che fare con la comunicazione tra il corpo e il cervello. “L’esercizio fisico può placare l’ansia, una delle cause principali di insonnia – ricorda Dishman – e un’altra ragione potrebbe essere l’effetto positivo della serotonina, un neurotrasmettitore che regola il sonno prodotto durante l’attività fisica. Infine – conclude – mantenersi in forma tiene lontani dai problemi di obesità, un altro deterrente del sonno”.

La soluzione per prevenire questi rischi dunque esiste, per chi non può ritagliare del tempo extra per dedicarlo esclusivamente all’esercizio fisico, potrebbe essere mettersi in sella per andare al lavoro. Secondo Rodney Dishman, l’autore dello studio citato, 75 minuti a settimana sono sufficienti per scongiurare perdite di forma che renderebbero più difficile il sonno.







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *