Ciò che non si può dire sulla strage a Nizza

18 Luglio 2016

ATTENTATO-NIZZA-CAMION
Il 2016 sembra essere un anno maledetto: il terrorismo sta colpendo in modo indiscriminato, ovunque e comunque e non passa settimana senza rimanere sgomenti da un nuovo atto di barbarie perpetrato in una zona o l’altra del nostro magnificente emisfero. In qualche modo è come se la paura si stesse impossessando di tutti noi per impedirci di frequentare luoghi affollati e fare tutte quelle cose che rappresentano la base del nostro vivere occidentale.

E qui avrei gioco facile se sostenessi che non bisogna farsi prendere dalla paura e dallo sgomento perché, a conti fatti, è molto più probabile morire in un incidente stradale che non durante un attentato terroristico, anche in un paese bersaglio come la Francia dove, in meno di 12 mesi, hanno perso la vita 213 persone (Bataclan + Nizza) per attentati terroristici e oltre 3.000 persone per incidenti stradali.

Ma il ragionamento sarebbe viziato da una questione non irrilevante: per quanto i morti siano tutti uguali e a conti fatti morire sparati o investiti è la stessa cosa, la percezione individuale della morte non lo è perché al cuore non si comanda e alla paura, neppure.

Se l’aspetto emotivo della questione è da tenere quindi in considerazione per le vittime, non lo è sicuramente per chi decide di colpire, ovvero per chi cerca in modo estremamente razionale il modo più efficiente ed effettivo di fare strage. Nel caso di Nizza la scelta è caduta su un imponente mezzo a motore, inarrestabile e inesorabile capace di ripetere su larga scala l’orrore che avviene quotidianamente e in modo centellinato sulle strade di tutto il mondo.

Se prendiamo però gli ultimi due grandi attentati che hanno colpito l’occidente nel corso dell’ultimo mese, quello di Orlando (sparatoria in un bar) e quello di Nizza, possiamo notare un approccio decisamente differente nel dibattito pubblico: dopo la sparatoria al gay club americano si è parlato di Islam e di controllo delle armi. Dopo l’attentato a Nizza, si è parlato solo di Islam.

Manifestazione per le persone uccise al Pulse fuori dalla Casa Bianca a Washington DC, 12 giugno 2016 (EPA/JIM LO SCALZO)

Manifestazione per le persone uccise al Pulse fuori dalla Casa Bianca a Washington DC, 12 giugno 2016
(EPA/JIM LO SCALZO)

Nonostante il numero di vittime di Nizza sia superiore a quello di Orlando, a nessuno è venuto in mente di aprire una discussione sullo strumento utilizzato per fare strage, ma solo sul profilo psicologico dell’attentatore e su eventuali mandanti. In buona sostanza, l’idea che mezzi motorizzati di qualunque potenza possano entrare nei centri abitati (e magari essere utilizzati per compiere i gesti più efferati) è talmente accettata che nessuno mai si potrebbe permettere di mettere in dubbio questo dogma, anche se questa si traduce in una strage di 84 persone.

Di fronte a ogni tragedia siamo abituati a seguire lunghi discorsi e dibattiti sulle carenze dei sistemi di sicurezza e dell’intelligence che non ha fatto il proprio dovere per proteggere i cittadini, ma non questa volta perché di mezzo c’è il dio motore. Dall’11 settembre 2001, quando ci si è resi conto che gli aerei potevano essere trasformati in bombe volanti, non si può portare neppure una bottiglia d’acqua nel bagaglio a mano se si sale in aereo, ma di fronte al dio motore, come insegnano i giornalisti nostrani, le uniche parole spendibili sono fatalità o follia.

Eppure ci sono città come Oslo in Norvegia, Amburgo in Germania e Pontevedra in Spagna che hanno già iniziato a recidere il proprio cordone ombelicale con il mondo dell’auto e che presto saranno totalmente car-free.

Un motivo c’è ed è semplice: le auto e tutti i mezzi motorizzati sono pericolosi e se non riusciamo a capirlo dopo che un pazzo ha ammazzato 84 persone schiacciandole come insetti, non so cosa possa servire per spiegarlo.


 

banner-partecipaA proposito di mobilità urbana: CosmoBike Mobility, la prima expo-conference in Europa dedicata alla ciclabilità urbana, si terrà a Verona dal 14 al 16 settembre 2016.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
Da: 1.499
Acquista
Meccanica Base 1
Da: 149
Acquista

Commenti

5 Commenti su "Ciò che non si può dire sulla strage a Nizza"

  1. Avatar Maria Cristina ha detto:

    Sentendo la notizia, ho pensato le stesse cose. Su BBC Radio 2 ne hanno parlato sabato, dicendo che da anni lì hanno diverse strategie per impedire a un veicolo di avvicinarsi velocemente a una stazione, per esempio. In Italia le prime parole in merito che sento sono le tue. Grazie.

  2. Avatar andrea ha detto:

    Questa,scusate la franchezza,mi pare una sciocchezza.

    Secondo questo articolo,per evitare-prevenire degli attentati,bisogna eliminare i mezzi motorizzati…e ache pro?

    Per organizzare un attentato,non serve necessariamente un tir,basta un pacco,con dentro una bomba….

    Sarebbe bello non dover utilizzare l’auto,ma aime’,e’ una chimera,perche’ ormai e’ diventata un male necessario

    1. Avatar Paolo Pinzuti ha detto:

      Ciao Andrea,

      la tesi non è che per prevenire gli attentati bisogna eliminare i mezzi motorizzati, la tesi è che i mezzi motorizzati ogni anno fanno 1,2 milioni di morti e infatti sono stati usati come arma.
      Bisogna mettere queste armi in condizione di non nuocere. Cogli la differenza?

      Ciao

  3. Avatar alberico ha detto:

    Ma quante sciocchezze! Che ne dici di un kamikaze imbottito di esplosivo su una di quelle affollate ciclostrade ciclabili che sponsorizzate tanto! In questo caso che cosa suggeriresti? Di distanziare una bicicletta dall’altra di quattrocento metri?
    E se qualcuno si mettesse alla manovra di una gru per abbatterla sulla folla? che quale sarebbe il suggerimento? che i cantieri sono un’arma paragonabile a quelle da fuoco? Che Obama avrebbe fatto bene a cercare di fermare le costruzioni invece del commercio libero delle armi da guerra?
    Tutti gli strumenti sono pericolosi!!! I cavalli e i cavalli motore, le Concordia e gli antichi velieri, per remare ci volevano gli schiavi!
    Certo i motori termici sono superabili, ma poi chissà perché uno splendido strumento come la TAV diventa il mostro da abbattere … e ci sono perfino gli schizzinosi delle metropolitane …
    Essere car-free è un’ottima prospettiva per una città ma non c’entra proprio nulla con il terrorismo: metropolitane e treni sono già state usate per sterminare innocenti. Qualunque altra infrastruttura può essere colpita o utilizzata per colpire folle. Che ne dite degli effetti del panico lanciato in uno stadio affollato: Heysel insegna!! Basta solo aguzzare l’ingegno e volerlo fare!
    Le città sono vulnerabili, sempre e ovunque. Potremmo vivere nelle capanne, andare a piedi e mangiare radici, questo sì. Così risolveremmo in poco tempo il problema del sovraffollamento del pianeta.
    Alberico (automobilista sempre meno, motociclista e anche ciclista assistito per andare al lavoro)

    1. Avatar Francesca ha detto:

      Nonostante le auto, i mezzi e il loro uso vanno, anche dal mio punto di vista, regolamentati/rivisti, questo articolo è una delle piu’ BECERE strumentalizzazioni mai lette.
      Vergogna a chi te lo ha fatto pubblicare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti