EcoScuola, un bando per sviluppare (anche) il Bike to School - Bikeitalia.it

EcoScuola, un bando per sviluppare (anche) il Bike to School

9 Dicembre 2019

Dopo l’assegnazione dell’Ambrogino d’Oro alla Massa Marmocchi di Milano saranno stati molti i dirigenti scolastici interessati a conoscere più da vicino il Bike to School. Per capire come fare per poter promuovere questa buona pratica e incentivare la mobilità attiva dei propri studenti, magari avendo anche un ritorno d’immagine. Con la nuova edizione del bando EcoScuola, in scadenza il 15 gennaio 2020, ci sono sul piatto 3 milioni di euro derivanti dalle restituzioni volontarie delle indennità dei parlamentari del Movimento 5 Stelle che possono trasformarsi in incentivi per il #BikeToSchool grazie al sistema di Pin Bike. Il tutto a costo zero per l’Istituto.

Pin Bike è il sistema tecnologico che ha permesso ai cittadini della città di Bari e dell’Area Metropolitana di Torino di ricevere degli incentivi economici nelle tratte casa/lavoro fatte in bicicletta fino a 25 centesimi a chilometro. Il sistema sta avendo dei risultati sorprendenti, attestandosi su una media di 4,3 km a persona al giorno nella città di Bari e a 7,4 km nell’Area Metropolitana di Torino.

La mission di Pin Bike è quella di far rispolverare le biciclette a tutti gli italiani che le hanno ormai dimenticate in garage, con l’obiettivo di entrare nella quotidianità dell’utente e abituarlo all’utilizzo di questo mezzo tanto antico quanto moderno e attuale, tramite il rilascio di incentivi chilometrici al #biketowork e al #biketoschool. Alla base del sistema un brevetto che si basa su un’app per smartphone e un device hardware che si configura come un certificatore antifrode: è impossibile barare.

Il nuovo bando EcoScuola può dare agli Istituti Scolastici che ne fanno richiesta i finanziamenti necessari per attivare progettualità finalizzate a migliorare la sostenibilità ambientale nelle scuole: in particolare una delle misure finanziabili è quella relativa a progetti miranti a incentivare la mobilità sostenibile degli studenti e lavoratori che ogni giorno si recano a scuola. Per questa misura specifica la singola scuola può ottenere un finanziamento fino a 20.000 euro a progetto, senza nessun onore economico a carico dell’Istituto.

La dotazione finanziaria totale è di 3 milioni di euro deriva dalle restituzioni volontarie provenienti dalla rinuncia di parte delle indennità e rimborsi dei parlamentari del Movimento 5 Stelle. È in ogni caso ribadito più volte all’interno del bando che tale finanziamento non comporta nessun impegno né economico né di propaganda politica a carico dell’Istituto. Ed è normale che sia così ma è bene evidenziarlo anche in questa sede: si tratta di un’iniziativa aperta a tutti che non comporta adesioni e/o altre forme di supporto nei confronti della forza politica che ha alimentato il fondo.

Il team di Pin Bike nel caso in cui un Istituto fosse interessato a partecipare al bando – previa autorizzazione del Dirigente Scolastico – provvederà a gestire la pratica, esonerando la scuola da ulteriori adempimenti progettuali e burocratici. L’intento è quello di dare all’istituto il progetto Pin Bike pronto a partire e già comprensivo delle premialità. Per richiedere informazioni sulle modalità di partecipazione è possibile scrivere direttamente a [email protected]

Il sistema metterebbe a disposizione degli studenti, degli insegnanti e del personale Ata, 10.000 euro in premialità. In base a un sistema a classifiche su Istituto e a un rimborso chilometrico, gli utenti riceveranno dei punti che potranno utilizzare per riscattare i premi visionabili nel catalogo premi interno all’app. Le premialità spazieranno fra smartphone, e-reader, tablet, accessori per biciclette e tavolette grafiche. Se l’Istituto lo riterrà opportuno potranno essere incluse nel progetto rastrelliere per biciclette e premi personalizzati su indicazioni della specifica scuola.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti