Mercato di bici e componentistica in tempo di pandemia: dal boom del 2020 ai ritardi nel 2021

11 Marzo 2021

Il 2020 è stato, senza dubbio, l’anno del boom della bicicletta: in seguito allo scoppio della pandemia da Coronavirus la domanda di mezzi a due ruote a pedali è cresciuta esponenzialmente in tutto il mondo e se da un lato questo ha fatto registrare dati di vendita senza precedenti, dall’altro l’oliato meccanismo della “bicycle supply chain” – la filiera produttiva delle bici – è stato scombussolato e nel 2021 si stanno manifestando problemi nell’approvvigionamento delle materie prime e della componentistica per bicicletta, con ritardi che si accumulano di passaggio in passaggio fino all’utente finale.

Si tratta, come avevamo qualche mese fa su Bikeitalia, di una questione che riguarda tutto il mondo e una congiuntura sfavorevole – una “tempesta perfetta” come la definisce il portale Cycling Industry Newsdovuta all’aumento del prezzo delle materie prime, ai rincari delle spedizioni internazionali perché la domanda di container supera l’offerta e alle catene di approvvigionamento “interrotte” in più punti che creano intoppi e colli di bottiglia.

bici e componentistica

Il problema, oltreché il prodotto finito bicicletta, riguarda nella fattispecie anche la componentistica: trovare un ricambio, per chi possiede già una bici e magari vuole fare un upgrade del gruppo, sarà più difficile perché come ha affermato il direttore di Decathlon UK Peter Lazarus: “Il numero di gruppi realizzati è più o meno lo stesso, ma la domanda è molto più alta”.

Bikeitalia corso di formazione Meccanica per bici da corsa e gravel

Corso online: Meccanica per Bici da Corsa e Gravel

Nel 2020 in pochi mesi sono stati esauriti gli stock di produzione di tutto l’anno e si sono vendute tutte le bici disponibili. Le difficoltà di movimentare le merci, a causa della pandemia, hanno portato a un aumento dei costi di spedizione via nave e con il trasporto aereo. E l’impossibilità di ricevere componentistica dall’Estremo Oriente con le tempistiche “pre Coronavirus” fa accumulare ritardi in tutta la filiera della bicicletta.

Componentistica bicicletta

Chiaramente tutto questo, a cascata, va a finire per impattare sul prezzo di acquisto finale: gli aumenti dei prezzi nella componentistica sono una diretta conseguenza di questa situazione, ma oggi il tema non riguarda solo il “quanto” costa in più ma il “quando” potrò ricevere quello specifico pezzo di ricambio che ho ordinato: è un problema comune a tutti i rivenditori di bici e componentistica che rappresentano il punto d’incontro tra produttore e consumatore nel mercato B2C e si trovano tra l’incudine di una filiera in sofferenza e il martello di una clientela esigente abituata a ricevere la merce in pochi giorni o al massimo in qualche settimana. Ora l’orizzonte temporale per un ordine di componentistica di bici si quantifica in mesi, salvo le rare disponibilità già presenti in stock (perché, appunto, ordinate dal negoziante mesi prima, ndr).

[Sei un negoziante di bici e componentistica? Racconta la tua esperienza in merito a ritardi/problemi nella supply chain qui sotto nei commenti o scrivendo a info[at]bikeitalia.it]
Bikeitalia corso di formazione Meccanica per bici da corsa e gravel

Corso online: Meccanica per Bici da Corsa e Gravel

Lascia un commento

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti