Bonus bici e monopattini: fino a 750 euro per chi ha rottamato l’auto nel 2020

8 Novembre 2021

Il bonus bici e monopattini torna di attualità. Dopo il boom di richieste dello scorso anno, con il click day del 3 novembre 2020 e successivamente un’ulteriore finestra per poter scaricare il voucher e/o ottenere il rimborso sull’acquisto già effettuato, con il decreto del ministero dell’Economia del 21 settembre 2021, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 29 ottobre, sono state definite le regole attuative per accedere al credito d’imposta per le persone che dall’1 agosto al 31 dicembre 2020 hanno acquistato bici elettriche o muscolari, monopattini elettrici, abbonamenti al trasporto pubblico e servizi di mobilità elettrica in condivisione o sostenibile, rottamando un’automobile (più precisamente un veicolo della categoria M1, cioè con 4 ruote e fino a 8 posti oltre al conducente). Per finanziare questa misura il governo ha messo sul piatto 5 milioni di euro.

Bonus bici e monopattini

Credito d’imposta fino a 750 euro

Questo bonus bici e monopattini, che consiste in un credito d’imposta fino a 750 euro da utilizzare in tre annualità, è stato introdotto dal decreto Rilancio – lo stesso in cui era contenuto anche il bonus fino a un massimo di 500 euro (per il 60% del prezzo di acquisto) che nel 2020 aveva portato le vendite delle bici alle stelle. Secondo quanto stabilito dal dicastero di Via XX Settembre il credito d’imposta non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali relative alla stessa spesa e va inserito nella Dichiarazione dei redditi (in diminuzione delle imposte dovute) non oltre il periodo di imposta 2022.

Bonus bici e monopattini: aventi diritto

Ricapitolando, il bonus bici e monopattini spetta alle persone che, dall’1 agosto al 31 dicembre 2020, al momento dell’acquisto di un veicolo elettrico o di un abbonamento hanno consegnato per la rottamazione un secondo veicolo di categoria M1 (auto/veicoli per il trasporto di persone, aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente, ndr). Il veicolo rottamato doveva essere intestato da almeno 12 mesi alla persona che ha acquistato il nuovo mezzo o a uno dei familiari conviventi alla data di acquisto. Il nuovo veicolo acquistato poteva essere anche usato e doveva avere “emissioni di CO2 comprese tra 0 e 110 g/km”.

Usa la bici butta la macchina - illustrazione per il tema senz'auto car free


Credito d’imposta: come ottenerlo

Bisogna fare domanda sul sito dell’Agenzia delle Entrate per accedere all’incentivo. Al momento non è ancora stato fissato un termine ultimo per presentare le richieste e sta per arrivare un provvedimento in tal senso che, come indica il decreto, dovrà essere emanato entro 90 giorni dall’entrata in vigore dello stesso decreto. Nella domanda bisognerà specificare l’importo della spesa agevolabile sostenuta nell’anno 2020 per l’acquisto di monopattini elettrici, biciclette elettriche o muscolari, abbonamenti al trasporto pubblico, servizi di mobilità elettrica in condivisione o sostenibile.

I potenziali aventi diritto dovranno dunque attendere questo ulteriore passaggio prima di poter inoltrare la pratica per ottenere l’incentivo sotto forma di credito d’imposta fino a un massimo di 750 euro.

Commenti

3 Commenti su "Bonus bici e monopattini: fino a 750 euro per chi ha rottamato l’auto nel 2020"

  1. Angelo ha detto:

    Ho rottamato l’ automobile a maggio 2021 per avere il bonus di 1500€ utile per l’acquisto ebike invece solo inoculazioni….

  2. Massimo ha detto:

    Già, che fine hanno fatto… io ho già rottamato l’auto pensando che avrei potuto a breve avere diritto al bonus, ma non se ne è saputo più nulla… adesso tocca al vecchio scooter, ma francamente, se non posso ottenere il bonus, allora conviene anche svenderlo

  3. Albert ha detto:

    E il “famoso” bonus da 1500€ previsto dal DL Clima 2019 che prevede di fino a 1500 euro da investire nell’acquisto di bici, monopattini, abbonamenti al tpl o a servizi in sharing, che fine ha fatto?
    https://fiabitalia.it/bonus-bici-2021-due-misure-attendono-ancora-i-decreti-attuativi/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti