Gli 8 miliardi per l'automotive vanno destinati a forme di mobilità a zero emissioni - Bikeitalia.it

Gli 8 miliardi per l’automotive vanno destinati a forme di mobilità a zero emissioni

28 Febbraio 2022

Un comunicato congiunto sottoscritto dal Coordinamento Associazioni e Movimenti Cicloattivisti Ambientalisti – cui aderisce anche Bikeitalia.it – chiede al governo di ripensare le misure contenute nel decreto “Caro-bollette”, all’interno del quale si prevede lo stanziamento di un miliardo di euro all’anno fino al 2030 a sostegno del settore automotive. Alla luce della situazione attuale di crisi energetica, aggravata anche dalla guerra in Ucraina, la richiesta è di dirottare queste risorse verso forme di mobilità a zero emissioni. Riportiamo di seguito il comunicato in versione integrale.

Semaforo verde bici via libera mobilità

COMUNICATO STAMPA

Decreto caro-bollette. Cicloattivisti e ambientalisti: “Gli 8 miliardi per automotive siano destinati a transizione verso mobilità a zero emissioni”

Il Coordinamento Associazioni e Movimenti Cicloattivisti e Ambientalisti denuncia l’impostazione automobile-centrica e dipendente dai combustibili fossili del governo Draghi, quanto mai inappropriata anche alla luce della crisi ucraina. Tre le priorità alternative per il settore dei trasporti.

ROMA, 28 Febbraio 2022 – Nel Consiglio dei Ministri del 18 Febbraio è stato approvato il decreto-legge c.d. “Caro-bollette”, all’interno del quale si prevede lo stanziamento di un miliardo di euro all’anno fino al 2030 a sostegno del settore automotive.

In risposta a quello che rischia di essere l’ennesimo atto di greenwashing da parte del governo Draghi e dei ministri Giorgetti e Cingolani, le associazioni ambientaliste e i movimenti per la mobilità attiva e sostenibile (elenco firmatari in calce*) dichiarano quanto segue:

“Ancora una volta i ministri Giorgetti e Cingolani dimostrano di non avere ben chiaro quali dovrebbero essere le priorità dell’Italia in tema di trasporti e transizione ecologica.
L’Italia, firmataria dell’accordo di Parigi e co-host dell’ultima conferenza sul clima, non sta facendo abbastanza per ridurre rapidamente le emissioni di gas effetto serra. I fondi del PNRR per la transizione ecologica sono pochi e male allocati.
Il decreto caro-bollette risponde all’aumento dei prezzi del gas non riducendo, ma incrementando la dipendenza dell’Italia dalle fonti fossili, proprio nel momento in cui questa dipendenza ci rende geopoliticamente vulnerabili, come evidenziato dall’indisponibilità dell’Italia a sanzionare la Russia tagliando le importazioni di gas. La stessa logica sottende le misure relative al settore dei trasporti incluse nel decreto legge.

Gli 8 miliardi di euro stanziati dal decreto caro-bollette equivalgono al totale dei fondi destinati nel PNRR al settore della mobilità sostenibile: secondo un’analisi di Kyoto Club e Transport & Environment, sarebbero state necessarie risorse cinque volte maggiori. Se ci fossero ulteriori risorse da investire sui trasporti dovrebbero essere prioritariamente destinate a una profonda e rapida decarbonizzazione del settore, promuovendo modalità di trasporto che ci allontanino progressivamente dalla centralità dell’automobile e del motore endotermico: ciclabilità, pedonalità, trasporto pubblico elettrico locale su gomma e rotaia, sharing mobility elettrica.

Malgrado gli alti livelli di congestione, l’aria avvelenata delle nostre città e il budget di CO2 sforato da tempo, continuiamo a parlare di incentivi per le auto endotermiche. Il ministro Giorgetti ha dichiarato che il MISE vorrebbe far accedere agli eco-incentivi anche le auto fino a 135gCO2/km: questo vuol dire destinare i soldi dei contribuenti a tecnologie obsolete e inquinanti come le “mild hybrid” e le auto a diesel e a benzina.

Se si vuole discutere seriamente di “riconversione e riqualificazione” del comparto automotive, e soprattutto di transizione ecologica, il governo italiano deve invece:

  1. Aumentare in modo sostanziale gli investimenti in infrastrutture e politiche per la mobilità attiva (bici, piedi) e condivisa (TPL, sharing mobility), prima ancora di intervenire sul comparto automotive.
  2. Fissare come obiettivo quello di abbattere in modo rapido il tasso di motorizzazione (almeno dimezzandolo nel medio termine), accompagnando l’industria italiana verso una mobilità adatta al 21° secolo e che risponda all’emergenza climatica e a quella dell’inquinamento dell’aria.
  3. Destinare le risorse ora pensate per gli eco-incentivi a sostenere invece lo shift modale nelle città italiane: il governo potrebbe istituire un fondo presso il MITE o il MIMS al quale le amministrazioni comunali e regionali possano accedere per finanziare programmi di riduzione del tasso di motorizzazione. Ad esempio, incentivando chi, rottamando un’auto inquinante, la sostituisce con altro mezzo di trasporto sostenibile (cargo bike, e-bike) o accetta in cambio un pacchetto di abbonamenti pluriennali al trasporto pubblico e ai servizi di sharing per il proprio nucleo familiare.”

*Coordinamento Associazioni e Movimenti Cicloattivisti e Ambientalisti

Bike4City Aps
Bikeitalia.it
Bike to school Asd
Cittadini per l’aria onlus
Clean Cities Campaign

Consulta della Mobilità Ciclistica e Moderazione del Traffico di Torino
Ecoborgo Campidoglio Aps Torino
FIAB Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta
Fondazione Michele Scarponi Onlus
Genitori AntiSmog
Greenpeace Italia
hub.MAT APS
Kyoto Club
Legambici APS, Milano
Legambiente
Massa Marmocchi – In bici a scuola Milano
Milano Bicycle Coalition ASD
Rete Vivinstrada
Salvaiciclisti-Bologna APS
Salvaiciclisti Roma – Sic Roma Aps ETS

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti