La Ciclabile Umana e il diritto di pedalare in città

24 Gennaio 2023

La Ciclabile Umana è una forma di protesta creativa che in Italia è partita da Milano a novembre del 2022 e poi si è diffusa in altre città. Oggi, 24 gennaio 2023, il flash mob dei cicloattivisti si è tenuto per la terza volta a Milano, per la seconda a Roma, per la prima a Torino e anche a Firenze, Cagliari, Treviso; e a Napoli in serata, dove è diventata la manifestazione delle “strisce pedonali umane”. Bologna aveva già realizzato la sua prima Ciclabile Umana qualche giorno fa.

Ciclabile Umana: Milano e le altre

Il successo del format della Ciclabile Umana – centinaia di partecipanti nelle principali città, in pieno inverno e alle 7:30 di mattina – dimostra che c’è una grande voglia di riaffermare il diritto di pedalare in città e, soprattutto, di poterlo fare in sicurezza. Senza le bici e i corpi degli attivisti quelle stesse corsie ciclabili diventate “umane e protette” per due ore sarebbero restate, come sempre, in balìa della sosta selvaggia e dell’invasione costante da parte di chi guida un mezzo a motore.

Diritto di pedalare in città

La Ciclabile Umana rappresenta dunque un’iniziativa che rivendica spazio per chi pedala in città e chiede percorsi ciclabili sicuri e connessi tra loro. Ma la protezione su strada non la dà un cordolo o una separazione fisica sempre e comunque tra i flussi di traffico: uno dei fattori che fa la differenza in città è la velocità a cui viaggiano i mezzi più pesanti e potenzialmente pericolosi. Non a caso il tema delle Città 30 km/h è strettamente collegato con la Ciclabile Umana: le strade potranno riempirsi di persone in bicicletta se la velocità – e il numero delle auto – sarà drasticamente ridotto.

Città 30 km/h e sicurezza stradale

E se qualcuno dice che non è possibile farlo – adducendo motivazioni fantasiose, capziose o risibili – va ribadito il fatto che nelle nostre città dove il limite di velocità urbano è 50 km/h ogni giorno si verificano investimenti mortali agli incroci, in corrispondenza degli attraversamenti o ai margini della carreggiata da parte di chi guida un’automobile con noncuranza e incoscienza. E che abbassando il limite da 50 a 30 km/h si ridurrebbero sensibilmente anche collisioni, feriti e morti.

Strisce pedonali umane Napoli
Strisce pedonali umane a Napoli

L’iniziativa della Ciclabile Umana rappresenta una sprizzata di vitalità in un panorama asfittico e incattivito: in città dove il massiccio traffico motorizzato appesta l’aria e ingrigisce le facciate dei palazzi. In una società in cui per rivendicare il diritto di pedalare in sicurezza bisogna proteggere la corsia ciclabile con il proprio corpo.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti