MENU

Andare in bici con le scarpe coi tacchi

Bici, Bikelife, Donna • di

I piedi portano il peso del corpo, il cuore porta il peso dell’anima.
Per i vostri piedi, scegliete scarpe confortevoli e graziose.
Per il vostro cuore, che porta tutto il dolore, le difficoltà, le delusioni e i sogni, scegliete un confortante amore.

(Can Yucell)

donne tacchi

La bici in città per gli spostamenti, per far commissioni, andare al lavoro, portare i figli a scuola, ma senza mai perdere il nostro stile, la cura per i dettagli e quell’accessorio che riempie il nostro armadio e che non sono mai abbastanza: le scarpe.

Foto | Antonella de Marinis

Foto | Antonella de Marinis

Personalmente ho tante, tantissime scarpe, ho perso il conto, le mie figlie dicono che ne abbia più di 60. Ne ho di vario genere, bassissime o altissime. Io le amo colorate.

Mi sposto spesso in bici, e molto spesso per lavoro, devo insomma avere la mise adatta ad ogni circostanza e impegno. Sicuramente se sono in giro in escursione indosserò la scarpa da ginnastica. Ma se dovrò presenziare ad un convegno, andare a parlare con un dirigente o fare anticamera per essere ricevuta in un ufficio, le cose cambiano.

Tacco sì, tacco no?

Tacco tutta la vita! Nonostante lo stress a cui sottoponiamo i nostri piedi.

Pensate a quando vi mettete alla guida dell’auto con un tacco, anche se non 12, pure 10: francamente farei fatica a sentire i pedali sotto i piedi, il tacco mi sposta il tappetino e devo anche regolare la distanza del mio sedile.
La punta della che scarpa che dovrebbe essere posizionata sul pedale, rischia di scivolare al centro della pianta del piede e incastrarsi sui pedali. Altro problema è dettato dalla poca stabilità e dal poco equilibrio che ci dà questo modello di scarpa.

bici-tacchi-2

Bene, in bici funziona nello stesso identico modo. Oppure sei particolarmente allenata e conosci così bene il tratto di strada che devi percorrere, sai maneggiarla benissimo: le frenate per inchiodare, quelle sì che sono fantastiche!

bici-tacchi-9

bici-tacchi-10

Prima di tutto quando decidiamo di prendere la bici dovremmo sapere prima di uscire di casa che strada è meglio percorrere per raggiungere la mia destinazione. Se incontriamo lungo il percorso degli ostacoli (buche, incroci, molti semafori, rotatorie, passaggi a livello) il tacco potrebbe andar bene, ma se il tacco è troppo sottile, ad esempio, c’è il rischio che resti incastrato tra i binari.

bici-tacchi-8

La bici è come le nostre scarpe: deve essere comoda e calzare bene. Per cui è necessario regolarne in maniera precisa l’altezza e la posizione della sella, bisogna scegliere bene i pedali, ogni bici ha il suo pedale! Per la scelta dei pedali, io sono sempre per i giusti compromessi, sceglierei a prescindere dal tipo di bici che abbiamo dei modelli ibridi, i flat.

Se si ha lo sgancio rapido la modifica all’altezza della sella è semplicissima, altrimenti si dovrà ricorrere alle brugole, un’operazione che sarebbe meglio svolgere la sera, visto che al mattino andiamo tutte di fretta. Imprevedibili come siamo, non decidiamo mai la sera prima cosa indossare, ancora meno le scarpe. Siamo in grado, completamente pronte sulla soglia della porta di casa, di tornare indietro e cambiarci totalmente.

Se nel mio tragitto dovrò prendere la metro o il treno, dovrò tener conto che probabilmente si dovranno fare delle scale, per cui sarà necessario caricarla a mano, a meno che non ci siano le canaline (santa cosa!). In alcune stazioni ci sono. Bisognerà poi agganciarla sul treno sugli stalli ma io, a prescindere dai tacchi, mi faccio aiutare.

Scendere le scale sollevando la bici con un tacco troppo alto mi farebbe perdere l’equilibrio.

bici-tacchi-7

Salire le scale imbracciando la bici con una scarpa poco aderente al piede, anche.

bici-tacchi-11

L’ideale è usare un passepartout: la ballerina, e portare nelle borse laterali, in borsa o nello zaino, le scarpe che desideriamo indossare.

Ballerina sfiziosa con un accenno di tacco e suola che crea aderenza sui pedali e sull'asfalto

Ballerina sfiziosa con un accenno di tacco e suola che crea aderenza sui pedali e sull’asfalto

Ballerina con braccialetto, garantisce maggiore stabilità, evita che possa sfuggire dal piede

Ballerina con braccialetto, garantisce maggiore stabilità, evita che possa sfuggire dal piede

Ballerina con le stringhe, assicura la totale stabilità al piede sul pedale. Io la preferisco

Ballerina con le stringhe, assicura la totale stabilità al piede sul pedale. Io la preferisco

Ballerina rossa con zeppa

Ballerina rossa con zeppa

Un sandalo magari con un tacco più grande e una zeppe non troppo alta

Un sandalo magari con un tacco più grande e una zeppe non troppo alta

In alcune grandi città europee ho visto tantissime donne sui rollerblade e con le scarpe in borsa, a volte un modello universale e dei tacchi adattabili.

Sarebbe bello avere un kit come questo:

kit-scarpe

Guidare con i tacchi è una prerogativa femminile e anche se non è vietato comporta i suoi rischi: il tacco che si incastra tra i pedali, la suola troppo liscia che fa perdere aderenza, lo slittamento dei piedi sui pedali.

Tacco con suola liscia

Tacco con suola liscia

Il Codice della Strada è chiaro riguardo la sicurezza e il comportamento da tenere: «Gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo o intralcio per la circolazione e in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale» (art. 140, comma 1).

Guidare con i tacchi è un comportamento a rischio? Per la maggior parte delle assicurazioni è un’insidia da non sottovalutare in caso di sinistro, e se si riesce a dimostrare che l’incidente è stato causato anche da imperizia per via delle scarpe con i tacchi, la compagnia assicuratrice potrebbe rivalersi sulla ciclista urbana. Intanto è una buona notizia che l’INAIL ha da poco riconosciuto l’infortunio in itinere, quindi…





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *