MENU

Una biblioteca a pedali per le strade di Parigi

Bikenomics, News • di 14 Luglio 2015

Estate, tempo di vacanze e voglia di relax: al mare, in montagna, in bici e – perché no? – in compagnia di un buon libro. A Parigi anche chi resta in città può ritagliarsi un paio d’ore di tranquillità per “staccare la spina” e liberare la fantasia. Da qualche tempo nelle strade parigine ha fatto la sua comparsa un prototipo di “biblioteca ambulante a pedali” che si chiama Bibliambule e promuove la lettura, la condivisione e il relax.

Bibliambule_06

La struttura – montata su un triciclo a pedalata assistita – nasconde una sorpresa: 7 amache che si aprono come petali di un fiore e consentono ai lettori di passaggio di sdraiarsi accanto ai libri custoditi sugli scaffali della biblioteca per un po’ di sano ozio, ritemprante per il corpo e per la mente. Un veicolo a basso impatto ambientale che “rompe” i confini della biblioteca e porta i libri direttamente in strada, facendoli muovere grazie ai pedali di un mezzo che, una volta fermo, si trasforma in un accogliente chiosco per leggere e conversare comodamente sdraiati, quasi come se si fosse sotto l’ombrellone in spiaggia.

Bibliambule_04

La Bibliambule è stata progettata un anno fa, ma il suo prototipo è stato realizzato solo nella primavera del 2015, grazie al sostegno di numerosi donatori che l’hanno finanziato attraverso la piattaforma di crowdfunding Ulule e partnership con alcuni sponsor sensibili ai temi della diffusione lettura e della promozione della mobilità non inquinante. E da qualche settimana lo schizzo su carta si è trasformato in realtà. L’idea di far uscire i libri dallo spazio fisico di una biblioteca per metterli in condivisione in uno spazio pubblico – libero e aperto a tutti come la strada – può essere un buon modo per attrarre un nuovo tipo di pubblico fatto di “lettori inconsapevoli” per avvicinarli alla lettura grazie all’aura di relax che l’amaca evoca.

Bibliambule_01

Bibliambule_05

In prospettiva il servizio può ritagliarsi una nicchia di mercato, creare posti di lavoro e rappresentare un modello di business nel solco della bikenomics da imitare magari anche in Italia: d’altra parte il binomio libri-bici da noi sembra funzionare – come dimostrano le tante pubblicazioni-a-pedali che ogni mese propongono le novità legate al mondo della bicicletta, dalla sua meccanica alle storie epiche di salite infinite e discese mozzafiato, fino ad arrivare agli itinerari cicloturistici.

Bibliambule_03

Ogni Bibliambule può essere personalizzata con libri a tema: romanzi, fumetti, letteratura per ragazzi e così via. E chissà che questa originale biblioteca-a-pedali – che sarà messa in vendita a partire dall’autunno 2015 – tra qualche mese non possa sbarcare anche nelle nostre città, spesso ostaggio delle automobili in transito e in sosta, riqualificando piazze diventate parcheggi a cielo aperto e trasformandole in luoghi di aggregazione per far socializzare le persone grazie a un triciclo con un prezioso carico di storie tutte da leggere.

Bibliambule_07

bibliambule_08

Foto | Les Z’Ambules







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *