Città per le persone, la lezione di Groningen a Parigi e Barcellona [video] - Bikeitalia.it

Città per le persone, la lezione di Groningen a Parigi e Barcellona [video]

25 Marzo 2022

Il piccolo centro di Groningen, nei Paesi Bassi, diventa il riferimento per le trasformazioni urbane che stanno portando avanti importanti città come Parigi e Barcellona.

Lo racconta un video curato da DW REV (canale di informazione tedesco) che in pochi minuti presenta la situazione di emergenza che diverse città in tutto il mondo stanno vivendo in termini di qualità dell’aria, congestione da traffico e vivibilità dello spazio pubblico.

Groningen Parigi Barcellona città per le persone
Le trasformazioni in atto a Parigi

Il filmato inizia con un’introduzione a cura di Marco te Brömmelstroet (conosciuto come The Cycling Professor), uno degli urbanisti più influenti al mondo sui temi della mobilità ciclistica che in poco tempo racconta quanto il successo delle trasformazioni urbane dei Paesi Bassi siano frutto della perseveranza della popolazione e della lungimiranza della classe dirigente che a seguito delle prime crisi petrolifere ha deciso di puntare su modelli alternativi di sviluppo e di mobilità.

Scelte che hanno e stanno ripagando, rendendo i Paesi Bassi, in questo caso la città di Groningen (dove il 60% del traffico è costituito da biciclette), un punto di riferimento che sta facendo scuola in tutto il mondo e che ha modellato le politiche di trasformazione urbana iniziate da città come Barcellona e Parigi.

Il piano di Barcellona

Groningen del resto, ormai da tempo, ha intrapreso la scelta politica di voler dare più spazio alle persone che vivono i luoghi della città: per questo gli obiettivi degli amministratori locali sono di creare spazio alla mobilità ciclistica e alle aree verdi.

Roeland van der Schaaf, assessore allo spazio pubblico della città, spiega che alla base del successo c’è il modo in cui si comunica con gli abitanti. Se si chiedesse a un cittadino di Groningen dove vorrebbe poter parcheggiare la propria auto la risposta non sarebbe differente da quella di una persona che vive in un’altra città europea: “Di fronte a casa, in modo che la possa vedere e che non debba pagare nulla”. Allo stesso tempo, se la domanda che si pone ai cittadini fosse invece “Come ti immagini la strada in cui vorresti vivere?” la risposta sarebbe ben diversa:Le persone ci dicono che vorrebbero strade più verdi, più sicure e dove far giocare liberamente i bambini. Queste risposte ci danno la forza di portare avanti le trasformazioni urbane che sta vivendo Groningen” ha detto Roeland van der Schaaf.

A supporto dell’idea che per cambiare le città sia fondamentale mostrare alle persone come potrebbero diventare le proprie strade, nel video interviene anche Jan Kamensky, graphic designer divenuto famoso su Twitter per i microvideo diffusi in rete dove mostra come basti togliere le auto e il cemento per riportare la natura in città.

Groningen Parigi Barcellona città per le persone
Il piano di Parigi 15 minuti

Per spiegare le trasformazioni che stanno avvenendo a Barcellona interviene Janet Sanz, assessora alla mobilità, all’ecologia e all’urbanistica della città, la quale spiega quanto il successo degli interventi di Urbanismo Tattico hanno portato l’amministrazione comunale a voler ampliare le aree da riqualificare, rendendo le sperimentazioni trasformazioni durature.

Il focus si sposta poi su Parigi, dove l’amministrazione città ha compreso le criticità legate alle ondate di calore estivo frutto delle isole di calore che hanno messo in ginocchio la capitale negli ultimi anni, e dove la sindaca della città Anne Hidalgo ha avviato un processo di trasformazione continuativo che più volte abbiamo raccontato su Bikeitalia.

Per entrare nel dettaglio degli esempi citati sopra e comprendere al meglio quali sono i fattori determinanti che hanno portato due città come Parigi e Barcellona a prendere esempio da Groningen potete visualizzare il video di DW REV.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti