In Abruzzo la Città 30 più lunga d’Italia

29 Marzo 2023

In Abruzzo nasce la Città 30 più lunga d’Italia. Dalla prossima estate i 45 chilometri delle striscia urbana a est della Statale Adriatica fino al mare – nel tratto che attraversa i sette Comuni del litorale teramano (Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Pineto e Silvi) – diventeranno la Città 30 più lunga d’Italia.

Questo progetto di sostenibilità e sicurezza stradale, unico nel suo genere, è frutto del lavoro congiunto dei Comuni dell’ATS Città della Costa insieme con Fiab (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) e Assoturismo-Confesercenti Abruzzo.

Abruzzo Città 30 più lunga d'Italia in foto Giulianova
Giulianova (Teramo) è uno dei sette Comuni che costituiranno la Città 30 più lunga d’Italia in Abruzzo

In Abruzzo la Città 30 più lunga d’Italia

La creazione della zona 30 con il più ampio sviluppo lineare d’Italia in uno dei più importanti bacini turistici balneari della costiera adriatica, fa della costa teramana un caso virtuoso sui temi di sostenibilità ambientale, sicurezza, vivibilità, fruibilità ciclabile e pedonabile, declinati in chiave turistica. L’iniziativa impatta su una popolazione di 120.000 abitanti che supera i 3 milioni di presenze turistiche.

Al servizio di residenti e turisti

Dice Gianluca Grimi, Presidente di Assoturismo-Confesercenti d’Abruzzo: “I temi della sostenibilità, della vacanza attiva e sicura, della capacità di vivere una mobilità più dolce hanno un ruolo sempre più forte nella selezione della destinazione turistica: ecco perché la nostra Associazione – che in provincia di Teramo riunisce centinaia di albergatori, balneari, titolari di pubblici esercizi, imprenditori dell’ospitalità e dei servizi al turismo – ha deciso, assieme alla FIAB, di farsi parte attiva presso le Amministrazioni locali di una iniziativa che riteniamo molto rilevante. Siamo convinti che siamo alla vigilia di una svolta per la percezione del nostro territorio e ora lavoreremo perché le attese siano rispettate. Vogliamo ringraziare tutte le Amministrazioni locali per il coraggio e la determinazione dimostrati”.

Alba Adriatica Ciclovia Adriatica
Un tratto della Ciclovia Adriatica

Città 30: come funzionano

Il tema delle Città 30 è molto diffuso a livello internazionale – dove già molte città importanti hanno adottato misure per limitare la velocità in ambito urbano – e sempre più attuale anche in Italia dove, dopo i primi esempi di Città 30 a Olbia e Cesena, si affacciano all’argomento anche grandi metropoli come Bologna e Milano.

Nel solco della Ciclovia Adriatica

Il progetto della Città 30 più lunga d’Italia nasce nello stesso territorio in cui anni fa è nata l’idea della Ciclovia Adriatica che, con la recente inaugurazione del ponte ciclopedonale sul Vomano, ha visto il completamento del tratto teramano. La Ciclovia Adriatica è la più grande ciclabile nazionale, con numerosi tratti con infrastrutture e servizi di alta qualità, la cui realizzazione ha richiesto decenni e innumerevoli azioni, un processo culturale prima ancora che infrastrutturale.

Un modello da replicare

Alessandro Tursi, presidente di Fiab, dichiara: “Siamo orgogliosi di essere promotori e parte attiva a questo nuovo e ambizioso progetto. La nascita di un’unica zona 30 lungo tutto il litorale teramano conferma che i tempi sono maturi per passare dall’idea di pista ciclabile a quella di città ciclabile. Si tratta di un’iniziativa modello che può e deve essere replicata da altri territori italiani”.

Già a partire da quest’estate i 45 chilometri della Città 30 della costa teramana saranno facilmente identificabili mediante la realizzazione di segnaletica a terra di grande formato. È solo il primo passo di un articolato piano che, per il futuro, prevede interventi sugli assi viari, insieme ad azioni per una gestione congiunta della mobilità sostenibile.

Città 30 pittogramma limite di velocità 30 km/h

Un ruolo importante lo giocherà anche l’intermodalità treno+bici per spostarsi tra i diversi Comuni, con un servizio ferroviario che già oggi funziona come una “metropolitana interurbana”, con il trasporto delle biciclette gratuito sui convogli regionali, anche in vista dei potenziamenti annunciati.

Sicurezza stradale e qualità della vita

Dice Andrea Scordella, Sindaco di Silvi, Comune capofila dell’Ats “Città della Costa”: “Abbiamo aderito con convinzione a questa proposta lanciata da Fiab e Assoturismo-Confesercenti, perché la sicurezza stradale deve essere al centro dell’azione amministrativa e questo influisce fortemente sulla qualità della vita e del turismo. Come associazione temporanea di scopo fra i Comuni della Costa teramana, di cui Silvi è capofila, abbiamo trovato subito una sinergia, un grande senso di responsabilità e di collaborazione su una decisione che rafforza l’immagine, anche in chiave promozionale, di un territorio ospitale, sicuro, pronto a raccogliere le sfide e a guardare al futuro”.

Leggi anche: A Bologna si fa il punto sulle ciclovie turistiche in Italia

fiera del cicloturismo

Condividi:

Commenti

6 Commenti su "In Abruzzo la Città 30 più lunga d’Italia"

  1. Cesare Casamassima ha detto:

    Va benissimo la pista ciclabile lungo il mare, ma dietro il progetto Città 30 mi pare che si celi l’ennesima colata di cemento lungo le coste italiane.

  2. Faith ha detto:

    Buongiorno, segnalo un errata corrige.

    [Grazie abbiamo corretto – Bikeitalia.it]

  3. Alessandro ha detto:

    Fantastico!!!!!!!!! Grandissimi!!!!!
    Spero che si diffonda in tutto il paese, ne abbiamo bisogno.

  4. severino ha detto:

    Caro S.M. (chi è costui che si cela dietro le iniziali?) il tuo commento si colloca nella lunga sfilza degli “eternidenigratori” ovviamente a prescindere.
    Non credi che sia apprezzabile, nel contesto italiano, una soluzione che può far convivere pedo,ciclo,auto non togliendo ma aggiungendo?
    Comunque buona vita anche a te.

  5. Beatrice ha detto:

    Concordo . 👍🏻

  6. S.M. ha detto:

    LA POLITICA,DELLA CITTÀ TERRITORIO ,NON POTENDO REALIZZARE UNA VIABILITÀ DECENTE,CHE GLI SPETTA DI DIRITTO,PROGETTI FATTI DALLA PRIMA REPUBBLICA DEGLI ANNI OTTANTA,MAI REALIZZATI DALLA ATTUALE CLASSE POLITICA , REALIZZANO LE PISTE CICLABILI…..CHE PROGRESSO DEI DEMOCRATICI PROGRESSISTI?SIAMO LO ZERBINO DEL MONDO…

    [Questo commento è stato moderato prima della pubblicazione – Bikeitalia.it]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti