Bici

La Kidical Mass conquista le strade di Roma

La minaccia della pioggia non ha frenato gli entusiasmi e domenica 14 maggio, in occasione dei 10 anni del Bike to School, nella Capitale si è svolto l’evento “Scatenati in Bici – La prima Kidical Mass a Roma” organizzata dalle Associazioni Bike to school, Rebike, Salvaiciclisti Roma, Clean Cities, Legambiente Lazio, A Sud, Fiab Lazio con il contributo di ZTL bici, Cicli Pigneto, Ciclofficina #9, Bikeblock e la partecipazione di una decina di gruppi Bike to school romani.

Kidical Mass Roma

La manifestazione ha visto il coinvolgimento di centinaia di bambine e bambini che insieme alle loro famiglie e, grazie alla presenza della Polizia Municipale e dei volontari presenti, hanno potuto pedalare per un giorno in tutta libertà e sicurezza per il centro storico della Capitale.

Il lungo serpentone si è snodato per alcune delle principali vie del centro storico ridando per un giorno colore e vita a spazi generalmente invasi dalle auto. I partecipanti sono alla fine arrivati ad invadere pacificamente Piazza del Campidoglio e proprio sotto la statua equestre di Marco Aurelio hanno presentato la richiesta di promuovere il Bike to School in tutti i municipi e in tutte le scuole. A tale richiesta il Presidente della Commissione Mobilità del Comune di Roma Giovanni Zannola – che ha anche partecipato alla pedalata – ha preso formalmente impegno.

Le richieste delle Associazioni all’Amministrazione Capitolina

Insieme alla pedalata le Associazioni hanno promosso le seguenti richieste al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri:

  1. Realizzare 100 strade scolastiche cittadine entro i prossimi 3 anni;
  2. Istituire figure di Mobility Manager a livello municipale e/o scolastico per lavorare ai piani di spostamento locali casa-scuola;
  3. Incentivare gli attuali pedibus e Bike to school esistenti e coinvolgendo gli attivisti per la programmazione di nuovi;
  4. Pianificare la messa in sicurezza sistematica degli attraversamenti e dei percorsi pedonali e ciclabili casa-scuola per favorire la mobilità pedonale, ciclistica, la micromobilità e l’autonomia;
  5. Sensibilizzare la cittadinanza con una campagna di comunicazione e la produzione di materiali informativi per genitori e insegnanti e gadget per i bambini;
  6. Promuovere forme di incentivazione attraverso giochi e competizioni virtuose tra scuole e premiando le scuole che finora si sono impegnate in questo senso.

Ridurre il numero delle auto in città

Come sottolineano gli organizzatori nel comunicato post evento, è necessario ridurre il numero delle auto in città per destinare maggiore spazio pubblico alla socialità e alla vivibilità delle strade: “L’esplosione della mobilità privata avvenuta negli scorsi decenni ha trasformato le nostre città in luoghi sempre più ostili soprattutto per bambine e bambini spesso costretti a muoversi, giocare e socializzare in luoghi ristretti e insalubri”.

“Il grande successo di partecipazione della manifestazione di domenica scorsa dimostra invece la gran voglia di cambiamento che si respira nella città col più alto numero di auto pro capite d’Europa, perché città a misura di bambino significano città più belle e vivibili per tutte e tutti. Per questo è già in programma un nuovo appuntamento per la seconda edizione di Scatenati in Bici che si svolgerà il 24 settembre”, concludono gli organizzatori.

ebook

mobilità urbana
scarica ora

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *