Viaggiare

La salita al Pas de Peyrol in bici

La salita al Pas de Peyrol in bici

Situato ai piedi del Puy Mary, a un’altitudine di 1589 metri, il Pas de Peyrol è il passo stradale più alto del Massiccio Centrale francese. Questo percorso è molto sfidante, con una pendenza media dell’8% e una lunghezza di 5,4 chilometri e copre un dislivello di 441 metri.

L’ascesa di questa salita di Categoria 1 del Tour de France inizia al bivio della D12, con un tratto iniziale relativamente dolce con una pendenza del 5% che si estende per i primi tre chilometri. Questo segmento consente ai ciclisti di acclimatarsi gradualmente alla salita, offrendo panorami mozzafiato che distolgono momentaneamente dall’impegno fisico.

Ma è negli ultimi due chilometri che il Pas de Peyrol svela il suo vero carattere. Con una pendenza media che sale al 12% e picchi che raggiungono il 15%, questa parte del percorso richiede non solo forza fisica ma anche una notevole tenacia mentale. La strada si restringe e si snoda in tornanti impegnativi, alternando tratti ripidi a brevi momenti di tregua.

Raggiungere la cima è una conquista che viene premiata con una vista spettacolare sulle montagne e le valli circostanti. La bellezza del panorama rende giustizia alla fatica e al sudore spesi per arrivare fin lassù.

Il Pas de Peyrol e il Tour de France

Il Pas de Peyrol vanta una storia ricca nel mondo del ciclismo, essendo stato scalato dodici volte nel Tour de France, con il debutto nel 1959. Leggende del ciclismo come Daniel Felipe Martínez, Thomas De Gendt e Thomas Voeckler hanno trionfato qui, rendendo questo passo un luogo iconico per gli appassionati.

Nel 2024 il Pas de Peyrol è nuovamente protagonista del Tour de France durante l’undicesima tappa di 211 chilometri da Evaux-les-Bains a Le Lioran, unendo la sua sfida con la salita settentrionale del Col de Néronne. Inoltre sul percorso sono presenti anche altre salite in serie – di categorie 2, 3 e 4 – che rendono questa una delle tappe più emozionanti e impegnative della Grande Boucle.

L’ascesa al Pas de Peyrol

La salita al Pas de Peyrol in bici Tour de France

Accessibile da vari versanti, ciascuno con le proprie peculiarità e difficoltà, rappresenta una mèta ambita per ogni ciclista in cerca di una sfida epica. Salendo da Salers il percorso è di 20,5 km al 3,1% con un finale di 5,4 km con pendenza media all’8,1%, quello appunto in programma nella Tappa n. 11 del Tour de France che rappresenta anche la versione più impegnativa. Le altre varianti sono più abbordabili: dal versante est, partendo da Dienne, si coprono 12,4 km al 4,3% con gli ultimi 7,7 km al 6,2%; dal sud, partendo da St-Julien-de-Jordanne, si affrontano 13,3 km con una pendenza media del 4,9%; mentre invece dal versante nord da Cheylade la salita è lunga 16,8 km al 3,6%.

Il Pas de Peyrol non è solo una sfida ciclistica, ma un viaggio attraverso paesaggi spettacolari e una storia ciclistica di grande rilievo. Per gli amanti del ciclismo, la salita a questo passo rappresenta un’esperienza indimenticabile che mette alla prova corpo e mente, ricompensando ogni sforzo con panorami mozzafiato e il prestigio di aver affrontato uno dei giganti del Tour de France.

La salita al Pas de Peyrol pedalata da Paola Gianotti

Pas de Peyrol le salite del Tour de France pedalate da Paola Gianotti
La salita al Pas de Peyrol in bici pedalata da Paola Gianotti per Bikeitalia

Per affrontare una salita così impegnativa l’ultraciclista Paola Gianotti che l’ha pedalata dà qualche consiglio utile: “Per affrontare ogni tipo di salita sono importantissimi l’allenamento e la preparazione fisica. Non soltanto la preparazione in bicicletta, ma anche la preparazione in palestra. Allenare la massa muscolare, fare potenziamento in palestra, fare core e allenare tutta la fisicità”, suggerisce Paola.

Inoltre, durante la salita è fondamentale gestire il ritmo e mantenere la concentrazione: “In bicicletta si fanno ripetute di forza e potenza e si allena anche il fiato. Durante la salita al Pas de Peyrol è essenziale mantenere una pedalata costante e controllare la respirazione, soprattutto nei tratti più ripidi”. Le parole di Paola Gianotti riflettono le sensazioni di pedalata, dove ogni tornante rappresenta una sfida mentale oltreché fisica, e la soddisfazione di raggiungere la cima ripaga di tutte le fatiche.

VIDEO | La salita al Pas de Peyrol pedalata da Paola Gianotti

Leggi anche: Tour de France 2024: Paola Gianotti pedala le grandi salite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *