MENU
fancy women bike ride 2019

Attrezzatura per lavorare sui movimenti centrali

Attrezzi, Bikelife, Meccanica • di

Il progressivo sviluppo dei movimenti centrali, che da perno quadro sono passati a perno integrato e il passaggio dai sistemi filettati a quelli press-fit, ha fatto sì che questo componente della bici diventasse un crogiolo di standard differenti. Di conseguenza anche l’attrezzatura necessaria per poter operare in modo professionale su tutti i tipi di movimento centrale è diventata molto elevata ed è composta da attrezzi comuni e altri molto specifici. In questo articolo analizzeremo l’attrezzatura necessaria per poter lavorare con cognizione di causa su qualsiasi tipo di movimento centrale.

Indice
Movimenti centrali a perno quadro
Movimenti centrali a calotte integrate
Movimenti centrali Press-Fit
Utensili per filetti
Prodotti di consumo
Concludendo

Movimenti centrali a perno quadro


Partiamo dallo standard più “vecchio”, quello con il movimento centrale a perno quadro che troviamo su bici d’epoca, su city bike e su biciclette di bassa gamma.
L’attrezzatura necessaria è la seguente:

MC_1

Chiave inglese da 10mm: per allentare le chiavelle;

MC_2

Martello in acciaio: per estrarre le chiavelle;

MC_3

Estrattore: per estrarre le pedivelle dal perno quadro;

MC_4

Chiave a tubo da 14-15mm: per agire sulle viti che fissano le pedivelle al perno quadro;


Ti potrebbero interessare anche i nostri Corsi Bikeitalia di Meccanica Ciclistica: clicca qui!


MC_5

Pinza per seeger: per rimuovere i tappi delle pedivelle;

MC_6

Chiave da 32-36mm: per lavorare sulla calotta fissa;

MC_7

Chiave a pioli: per lavorare sulla calotta regolabile;

MC_8

Chiave a forchetta: per agire sulla ghiera di fissaggio della calotta regolabile;

MC_9

Estrattore per movimenti centrali a cartuccia: per agire sulla brocciatura dei movimenti centrali a cartuccia e poterli così montare o estrarre;

MC_10

Chiave a cricchetto grande (attacco ¾”): per installare l’estrattore per mc a cartuccia;
Estrattore per Octalink: estrattore per movimenti centrali a cartuccia Shimano Octalink;

Movimenti centrali a calotte integrate


Step successivo di evoluzione dei movimenti centrali, dove il perno è direttamente integrato nella guarnitura. L’attrezzatura necessaria è la seguente:

MC_11

Chiave per movimenti Hollowtech II: per agire sulla vite di regolazione dei giochi sulla pedivella sinistra nei movimenti centrali Shimano;

MC_12

Chiave a brugola da 8mm: per estrarre la pedivella nei movimenti centrali Truvativ;

MC_13

MC_14

Chiave a brugola da 10mm lunga: per estrarre il giunto Wirth nei movimenti centrali UltraTorque Campagnolo;

MC_15

Chiave a brugola da 5mm: per allentare le brugole che fissano la pedivella nei sistemi Hollowtech II;

MC_16

Estrattore movimenti HollowTech II: estrattore che s’innesta sulla brocciatura delle calotte dei movimenti centrali Shimano e consente di rimuoverle dal telaio;

MC_17

Estrattore movimenti Ultra Torque: estrattore che s’innesta sulla brocciatura delle calotte dei movimenti centrali Campagnolo e consente di rimuoverle dal telaio;
Estrattore movimenti Truvativ: estrattore che s’innesta sulla brocciatura delle calotte dei movimenti centrali Truvativ consente di rimuoverle dal telaio;

MC_18

Chiave dinamometrica: per il corretto serraggio di tutti i componenti;
Estrattore cuscinetti Ultra Torque: apposito estrattore che consente di rimuovere i cuscinetti integrati nelle pedivelle dei sistemi Campagnolo UltraTorque;

Movimenti centrali Press-Fit


Ultima innovazione, ha eliminato le filettature, rendendo di fatto la scatola del movimento centrale una sorta di cannotto di sterzo orizzontale. Qui gli “standard” si sprecano e l’attrezzatura necessaria è davvero molto specialistica:

MC_19

Kit pressa manuale: sistema per inserire per interferenza i cuscinetti nei movimenti centrali press-fit. Si tratta di una barra filettata con all’estremità due manovelle, che consentono di avvicinare progressivamente le calotte e pressarle all’interno del telaio, utilizzando gli specifici adattatori;

MC_20

Adattatori BB30: per inserire le calotte BB30 all’interno del telaio;
Adattatori BB86-BB92: per inserire le calotte Press Fit Shimano all’interno del telaio
Adattatori PF30: per installare le calotte PF30 all’interno del telaio

MC_21
MC_22

Estrattore BB30-PF30: per estrarre le calotte con perno da 30mm (BB30 e PF30) dai telai dedicati;

MC_23

Estrattore BB86-BB92: per rimuovere le calotte Press Fit Shimano;

MC_24

Pinza per seeger: per rimuovere l’anello seeger di alcuni sistemi PF30 e BB30 di particolari aziende;

Utensili per filetti


La tecnologia dei movimenti centrali filettati non è certo sparita, per cui è bene possedere una serie di attrezzi (più o meno costosi), per risolvere tutti i problemi legati a questo sistema di montaggio. Nello specifico:

Contafiletti: per riconoscere il tipo di filetto, se ITA, BSA, Francese o altri standard molto vecchi;
Alesatore per movimenti centrali: si tratta di un particolare strumento (dal costo non accessibile a tutti), che consente di ripassare i filetti danneggiati dei movimenti centrali. Sull’alesatore si devono montare i maschi dedicati;
Maschio ITA: per ripassare i filetti ITA;
Maschio BSA: per ripassare i filetti BSA;
Fresa per movimenti centrali: un utensile molto specifico (e anche questo dal costo elevato), che permette di fresare e portare così “in piano” la faccia della scatola del movimento centrale, consentendo un montaggio planare delle calotte;

Prodotti di consumo


Per poter smontare e montare i movimenti centrali, vi è la necessità di utilizzare una serie di prodotti di consumo, che non possono mancare in un’officina che voglia fregiarsi di questo nome:

Sgrassatore: per rimuovere le tracce di sporco e di grasso vecchio;
Grasso bianco antigrippaggio: da spargere sui filetti, evita l’ossidazione e il grippaggio;
Grasso al litio: per ingrassare le sfere e tutti i cuscinetti;
Frenafiletti: per sporcare le calotte dei movimenti centrali Press-Fit per evitare che possano ruotare una volta pressate all’interno del telaio;

Concludendo


MC_25

Gli “standard” dei movimenti centrali sono diventati ormai innumerevoli e ciò richiede un numero molto alto di attrezzi e competenze tecniche non irrilevanti. Se è vero che i primi li potete acquistare dove volete, le seconde non potete farlo così facilmente. Dovrete applicarvi, fare esperienza e studiare. Per farlo potete leggere i ns tutorial oppure partecipare al nostro corso di meccanica avanzata!







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *