MENU
viaggi girolibero

Come scegliere ed adattare la propria bicicletta

Bici, Bicicletta, Bikelife • di

Non tutte le bici sono uguali, ebbene si, sarà pur vero che tutte le bici si muovono allo stesso modo, vale a dire con la forza delle gambe o delle braccia, ma la prima cosa da fare prima di acquistare una bicicletta è quella di chiedersi: che uso intendo farne? Come devo attrezzarla? È versatile, ovvero posso trasformarla ed adattarla a diversi usi?

Mountain Bike

Mountain Bike

La mountain bike, come caratteristiche minime dovrà avere:
• Telaio, ruote, manubrio, sella ed accessori robusti e leggeri;
• Ruote con sgancio rapido;
• Copertoni larghi e tacchettati da fuoristrada;
Freni adeguati;
• Almeno 6 cambi posteriori e 3 anteriori;
• Comandi comodi (sul manubrio);

Accessori

Materiale che non dovrà mai mancare, è una piccola borsa sottosella con:
• Camera d’aria;
• Raccordo per gonfiaggio e bomboletta aria compressa;
• Leve per smontare copertone;
• Uno straccio;
• Alcuni chiavi, fisse ed a frugola.
• Inoltre una pompa.

Dovrebbe essere superfluo ricordare che la sicurezza va sempre al primo posto e quindi anche il casco protettivo è sempre consigliato.

Utilizzo della MTB per varie attività

La mountain bike (lo dice la parola) codice alla mano si potrebbe utilizzare solamente al di fuori di un contesto urbano e stradale e quindi occorre trasportarla in loco.
È tuttavia possibile trasformarla per uso diverso e/o cittadino, ma per essere in regola con tutti i requisiti previsti dal Codice della Strada occorrerà aggiungere:
Fanale anteriore e posteriore;
• Catarifrangenti sui pedali;
• Campanello o segnalatore acustico.

La trasformazione della mountain bike non sempre è conveniente. Se l’utilizzo principale è quello di un’attività vera e propria su percorsi accidentati, aggiungere luci, parafanghi, portapacchi etc.. comporta un notevole aumento di peso. Inoltre il fango si insinuerà certamente tra carter e catena e parafango provocando, rallentamento, blocco o rottura di alcuni componenti.

Bici da Turismo o da Corsa

bici-da-turismo

La bici da turismo o da corsa dovrà avere:
• Telaio robusto;
• Manubrio che consenta una posizione comoda;
• Telaio, ruote, manubrio, sella ed accessori robusti e leggeri;
• Ruote con sgancio rapido;
• Copertoni stretti e lisci per un facile scorrimento;
• Freni adeguati;
• Almeno 6 cambi posteriori e 2 anteriori;
• Comandi comodi (sul manubrio);

Accessori

Materiale che non dovrà mai mancare, è una piccola borsa sottosella con:
• Camera d’aria;
• Raccordo per gonfiaggio e bomboletta aria compressa;
• Leve per smontare copertone;
• Uno straccio;
• Alcuni chiavi, fisse ed a frugola.
• Inoltre una pompa.

Utilizzo della Bici da Corsa per varie attività

La Bici da Corsa (lo dice la parola) codice alla mano si potrebbe utilizzare solamente nelle competizioni.
È tuttavia possibile trasformarla per uso diverso e/o cittadino, ma per essere in regola con tutti i requisiti previsti dal Codice della Strada occorrerà aggiungere:
• Fanale anteriore e posteriore;
• Catarifrangenti sui pedali;
• Campanello o segnalatore acustico.

La trasformazione della bici da corsa non sempre è conveniente. Se l’utilizzo principale è quello di un attività vera e propria “agonistica”, aggiungere luci, parafanghi, portapacchi etc.. comporta un notevole aumento di peso e se si vuole andare a fare la spesa è bene dotarsi di altro mezzo.
Di norma i negozi pongono in vendita le bici senza gli accessori, proprio per la caratteristica dell’uso “agonistico”, occorre onestamente dire che se ne fa un largo uso anche per cicloescursioni ed allenamenti senza provvedere alla trasformazione a norma del Codice della Strada.
La benevolenza di coloro che sono preposti al controllo del traffico non significa che la bici sia a norma senza tali accessori e quindi e bene evitare comportamenti scorretti.
Anche qui dovrebbe essere superfluo ricordare che la sicurezza va sempre al primo posto e quindi anche il Casco protettivo è un buon presidio.

Bici da Città (City Bike)

city-bike

Le caratteristiche principali della bici da “passeggio” sono:
• Telaio robusto;
• Manubrio che consenta una posizione “eretta”;
• Carter e parafanghi;
• Segnalatore acustico efficace;
• Segnalatori luminosi anteriori e posteriori efficienti e funzionanti;
• Catarifrangenti sui pedali;
• Eventuale portapacchi posteriore;
• Cavalletto.

Accessori

A seconda delle necessità:
• Borse sul portapacchi posteriore;
Seggiolino per il bimbo;
• Cestino anteriore.

La classica bici da passeggio è già in vendita completa di tutti gli accessori necessari ed obbligatori per essere a norma di codice.
Quando si acquistano accessori, ad esempio il seggiolino per il bimbo, occorre sempre verificare che sia omologato ed a norma. I più idonei sono quelli rigidi, che offrono un solido sostegno alla spina dorsale del bimbo, hanno le cinghiette di sicurezza ed i salva-gambe per evitare che gli infanti possano introdurre i piedi nelle ruote in movimento.
Anche qui dovrebbe essere superfluo ricordare che la sicurezza va sempre al primo posto e quindi prudenza, prudenza ed ancora prudenza!





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *