Sardegna in bicicletta

5 Giugno 2008

passo-silanaIl primo viaggio in bicicletta, da solo e con scarsa competenza meccanica, con delle borse pesanti per contenere cibo e acqua per 4 giorni (decido di non fermarmi per rifornirmi) attraverso la Sardegna in bici da nord a sud lungo la strada statale 125. Sbarco a Golfo Aranci la mattina presto dopo un traghetto da Civitavecchia. I primi chilometri sono facili e con la pendenza minima, la notte mi fermo a Tanaunella e monto la tenda in una pineta vicino al mare.

Il secondo giorno a pochi chilometri da Orosei buco la gomma anteriore su un tratto dove la strada è sterrata,le macchine che mi sorpassano fanno alzare la polvere fino a verso di me. Un saliscendi continuo mi accompagna a Dorgali, comunità montana a 700 metri. Non trovando un buon punto per piazzare la tenda mi sistemo dentro una delle case cantoniere abbandonate. Lungo la strada ne ho viste molte dal primo giorno e ho pensato che potesse essere una buona soluzione per passare la notte.

Il terzo giorno, dopo 17 km di salita continua arrivo al Passo Genna Silana, a 1096 metri, culmine verticale della statale 125 che si addentra poco dopo nel Parco nazionale del Gennargentu. Condivido la strada con mucche maiali e capre liberamente al pascolo. In discesa dal passo verso il paesino di Lotzorai supero spesso i 50 km/h. Con una buca o un sasso non so dove potrei andare a finire! Appena fuori dal paese di Barisardo trovo una casa abbandonata e mi ci fermo per la notte. La solita razione di pasta precotta e un pò di frutta che rimedio da un albero non mi saziano comunque.

Il quarto giorno arrivo a Cagliari dopo 140 km, ma lasciando per un attimo la 125. Infatti giungo prima a Villasimius, all’angolo sudest dell’isola e poi nel capoluogo sardo dalla costa meridionale. Sulla strada ci sono parecchi motociclisti, la maggior parte tedeschi. Uno di loro mi regala una mappa dicendo che la mia non è molto buona. La sera entro in città alle dieci di sera, stanco e soddisfatto ma soprattutto affamato, e mi tuffo dentro la prima trattoria.

Dove dormire (10% di sconto)

B&B Domus Olbia Inn

Clicca per andare alla scheda di questa struttura

Foto

Altri diari di viaggio in Sardegna

Sardegna: viaggio in bici da Alghero a Cagliari
Poi d’improvviso venivo dal vento rapita…
Sardegna in bici: il Sulcis Iglesiente e la costa sud-ovest (Tappa 1)
Sardegna in bici: il Sulcis Iglesiente e la costa sud-ovest (Tappa 2)
Sardegna in bici: il Sulcis Iglesiente e la costa sud-ovest (Tappa 3 e 4)

Letture consigliate

sardegna-lonely sardegna-verde sardegna-a-piedi sardegna-cartina

Corso correlato

Masterclass: Bike Manager
1.499
Acquista
Cicloturismo: Progettazione e Promozione
189
Acquista

Commenti

2 Commenti su "Sardegna in bicicletta"

  1. Avatar Renato ha detto:

    io ho fatto in sardegna un tour di 1400km in bici reclinata e vi dico che la parte più bella e la costa ocidentale zona Piscinas Bugerru
    e gli altipiani del centro sardegna strade meravigliose e poco trafficate nel periodo consigliabile fine Maggio
    ed anche io ho fatto il passo di Ganna Silana venendo da sud e partendo dal mare

  2. Avatar renato ha detto:

    io faro’ il giro da olbia a cagliari passando per l’occibente stintino alghero giu fino a cagliari, facendo strappo x le piscine cascate inglesiente.Speriamo di farcela e di usare poco i b&b, unico cruccio e’ usare la gravel o la cube frizz endura 160 mm? con quest’ultima sarei lento ma negli sterrati sarei ok.
    bah vediamo vorrei visitare apiagge e posti ho 8 ..9 giorni facendo circa 60km giorno ????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti