Il manifesto di #salvaiciclisti

Il manifesto di #salvaiciclisti

28 Ottobre 2012

Copioincollo da Simone Fu Dini una spiegazione, credo utile, di cos’è #Salvaiciclisti.

Salvaciclisti_Roma_28_04_2012_1

Salvaiciclisti è un’idea di mobilità che diventa libera azione. Chi vuole e può si organizzi e faccia. Salvaiciclisti non è un’etichetta, ma un megafono. Chi vuole e può lo usi. Salvaiciclisti non ha struttura perché le strutture sono lente, farraginose, vulnerabili, prevedibili. Chi vuole e può crei una struttura, ma non pretenda che gli altri si adeguino. Salvaiciclisti è di tutti. Tutti ne siamo attivisti e portavoce. Chi vuole, può e ha capacità, si guadagni lo spazio per diffondere il verbo e ottenere risultati a favore della causa comune. Salvaiciclisti non è una democrazia. Non può esserlo. Una democrazia ha bisogno di strutture, ruoli e procedure che Salvaiciclisti non ha e non può permettersi di avere, se vuole continuare a essere viva, attiva e innovativa. Salvaiciclisti italia è un ossimoro. Già dal 29 Aprile, all’indomani dei Fori Imperiali, chi ha avuto l’onore di lanciare la campagna ha chiamato in causa tutti gli utenti di mobilità leggera di questo paese, esortandoli a “diventare campagna”, a prendere il controllo, a usare Salvaiciclisti a casa propria, in ufficio, nel condominio, in circoscrizione, comune, provincia, regione.

Salvaiciclisti è ciò che ognuno di noi ne fa. Smettiamo di chiederci “cos’è” e “com’è”, facciamo qualcosa di utile.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti