Ungheria, il governo firma la carta nazionale del ciclismo

Ungheria, il governo firma la carta nazionale del ciclismo

24 Settembre 2013

ungheria-bici

Martedì 17 settembre il ministro dei trasporti ungherese Völner Pal ha ufficialmente riconosciuto e sottoscritto la Carta Nazionale del Ciclismo, un documento redatto da sette associazioni ciclistiche in collaborazione con l’ECF (European Cyclists’ Federation) in cui il Governo si impegna a raccogliere 400 milioni di euro di fondi (200 dall’Unione Europea e altri 200 indiretti) da destinare alla mobilità ciclistica. L’obiettivo ultimo dichiarato dalle associazioni è portare entro pochi anni la quota di spostamenti in bicicletta in Ungheria dal 19 % (già tra le più alte al mondo) al 22-23%. L’aumento dei ciclisti abituali negli ultimi 10 anni è stato tangibile, si pensi che la capitale Budapest è stata selezionata per due anni consecutivi come una delle dieci città più “bike friendly” del mondo dalla prestigiosa classifica Index 2013 stilata dalla società Copenhagenize di Mikael Colville-Andersen, e recentemente gli organizzatori della Critical Mass hanno deciso di sciogliere il raduno mensile poiché il numero dei ciclisti ha raggiunto un livello tale che – dicono – della CM non c’è più bisogno.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti