MENU

@micheleemiliano, perché non parli?

News, Rubriche e opinioni • di 17 dicembre 2015

Lettera aperta al governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano.

Caro Michele,

Mi chiedo se qualcuno si sia preso la briga di informarti della situazione: il governo centrale ha deciso di escludere la Regione Puglia e tutto il Sud Italia dal flusso di finanziamenti (94 milioni di euro) destinati alla realizzazione di percorsi rivolti al turismo lento.

L’emendamento appena inserito nella legge di stabilità crea un corridoio preferenziale per tre progetti dislocati nel nord e nel centro Italia (Vento, Grab e il collegamento Verona-Firenze) e si è dimenticato della Ciclovia dell’Acqudotto Pugliese, un itinerario di 450 km, tutti in discesa, che, qualora terminato, renderebbe la Puglia la destinazione maggiormente interessante in Europa per la pratica del cicloturismo.
itinerario acquedotto

Mi rendo conto che – per chi non se ne è mai occupato – il cicloturismo possa sembrare roba da poco, ma questa è una risorsa grazie alla quale l’isola di Mallorca in Spagna riesce a generare un indotto annuo di 290 milioni di euro, principalmente durante la bassa stagione.

La testata dalla quale ti scrivo durante la scorsa estate si è premurata di raccogliere 25mila firme che abbiamo sottoposto all’attenzione del tuo assessore alle infrastrutture e trasporti, Giovanni Giannini per chiedere il completamento della Ciclovia dell’Acquedotto e l’unica risposta che abbiamo ottenuto è che per lui non ci sono opere più importanti di altre.

Evidentemente a Roma la pensano diversamente e, infatti, anche questa volta, il Sud d’Italia non è stato inserito nei flussi di finanziamento.

Caro Michele, come fai a startene zitto di fronte all’ennesimo sopruso perpetrato ai danni della tua terra?
Come fai ad accettare che il governo centrale spenda i soldi di tutti gli Italiani distribuendo ricchezza dove la ricchezza già c’è e negando sviluppo a una terra che ha solo bisogno degli strumenti per essere amata?

La nostra testata ha lanciato una nuova petizione rivolta al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Delrio per chiedere di non dimenticare il Sud. La trovi qui e ti chiedo di firmarla.

Domani mattina (18 dicembre) alle ore 11 lanceremo un tweetstorm utilizzando l’hashtag #mancailSud per portare all’attenzione di tutti la necessità di invertire la rotta e di dare al Meridione l’opportunità di crescita che merita.

Mi auguro che tu non voglia lasciare la tua regione abbandonata a sé stessa.

Cordialmente.

Paolo Pinzuti





4 Risposte a @micheleemiliano, perché non parli?

  1. Yosi Preiss ha detto:

    Come esperto di progetazioni di piste ciclabili piu di 30 ann in Israele ma anche in Italia (Gaeta) saro felicisimo da aiutare .

    • Paolo Pinzuti ha detto:

      Graziee, ma non è che manchino gli esperti, mancano i politici che si vogliano occupare della cosa.

      • Yosi Preiss ha detto:

        Caro paolo. Propio per questo sono esperto!!!!, lo so perfetamente come si trata con i politici per realizare i progeti (i politici Italiani Israeliani e altri sono uguali) e non solo per progetare bene con tanta cura e responsabilita profesionale che e ovio.Il mio suceso dei progeti era sempre quando all inizio non si credeva nell progeto. Soldi per realizare piste ciclabili si trova in diversi modi .in Israele ho costruito due citadine e diversi quartieri grandi sempre con le piste ciclabile .La cita di Tel Aviv (reparto trafico) sono venuti da me piu di 30 anni fa (1983) per aver coragio a realizar le piste ciclabile. Oggi Tel Aviv e coperta con piu di 130 k”m di piste con un magnifico trato longo il mare Mediteraneoelungo e lungo il fiume Yarcon. se voi avere refernto chiami all mio colega Italiano Dott Ing. Giuseppe pace esperto Internazionale di mobilita 0039-340-4772675. o diretamente a me 972-52-2691359. aproposito in 10 giorni saro in italia Roma e Napoli e posiamo incontrare il cafe pago io ;-) .

  2. mario ha detto:

    Quando ho votato Michele Emiliano ,ho votato sicuro che avrebbe risposto su tutto,come mai
    non risponde?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *