In fat bike sulla neve

3 Febbraio 2016

C’era un tempo (un tempo in cui gli inverni erano rigidi) in cui i ciclisti passavano l’inverno in cantina a fare manutenzione alle biciclette e a praticare lo sci di fondo, disciplina ritenuta complementare alla bicicletta. Era un tempo in cui la neve e la bicicletta erano strumenti incompatibili tra loro e chi voleva pedalare doveva aspettare il disgelo oppure rischiare di tornarsene a casa con contusioni di varia natura.

Poi sono arrivate le fat bike, biciclette equipaggiate con pneumatici giganteschi che si adattano perfettamente a qualunque condizione di fondo stradale e che danno il meglio di sé quando il terreno si fa particolarmente morbido, neve inclusa.

fat bike neve 1

La scorsa settimana ho avuto modo di partecipare a un raduno di fat biker a Ponte di Legno (Brescia), il Big Fat Party. Per l’occasione ho avuto in dotazione una Surly Ice Cream Truck, una specie di carro armato a pedali, con il telaio in acciaio e ruote da 5 pollici che mi ha accompagnato per un’escursione di poco più di 20 km insieme al gruppo di aficionados raccoltosi per l’occasione.

fat bike neve 6

Purtroppo, l’inverno bollente di quest’anno ha fatto in modo che, nonostante la quota, la neve presente fosse decisamente scarsa, disponibile a sprazzi solamente lungo le piste da sci (discesa e fondo), ma questo ha offerto l’occasione di provare il bestione su fondi differenti, dall’asfalto allo sterrato, dalla neve morbida e farinosa a quella compatta e, per finire, sul ghiaccio.

Le coperture giganti gonfiate a 0,6 bar di pressione mi hanno regalato in più di un’occasione un senso di sbalordimento. È come se all’improvviso fossi diventato un campione del ciclismo: per quanto duro, morbido, sconnesso o ghiacciato fosse il fondo, la mia fattie procedeva senza tentennamenti, macinando sotto le proprie ruote qualunque cosa capitasse a tiro, senza che io me ne dovessi troppo curare.

fat bike neve 2

In qualche modo è come se mi fossi liberato da quel senso di ansia continua che accompagna chiunque vada in bicicletta: che tu sia in bici da corsa o in mtb su un single trail, sai bene che una distrazione può costarti cara. Basta una buca nell’asfalto presa male e sei col muso per terra, basta una radice sporgente e passerai le ore successive a cospargerti di acqua ossigenata. Ma questa volta il discorso era diverso: la velocità di crociera ridotta e le gomme antitutto mi hanno offerto il lusso di poter alzare la testa e guardarmi intorno per apprezzare i colori della montagna e guardare quello che fanno i compagni di escursioni senza curarmi troppo di ciò che mi capitasse davanti.

fat bike neve 7

Se, quindi, la fat è una macchina da endorfine quando procede in pianura e in salita, è quando la si butta in discesa che fa sentire il proprio carattere e la vocazione adrenalinica. Descrivere la sensazione che ho provato è estremamente difficile perché bisognerebbe riuscire a descrivere il piacere euforico di una lunga e veloce discesa in bicicletta, ma senza la paura che il sassolino sbagliato possa trasformare la festa in improvvisa tragedia.

fat bike neve 4

Se da un lato la neve rende uniforme qualunque superficie, i 5 pollici di aria racchiusa negli pneumatici garantiscono stabilità anche in curva, proprio quando saresti pronto a scommettere che “questa volta finisco a gambe all’aria”, rendendo improbabile la perdita di aderenza della ruota anteriore, anche in caso di frenate brusche.

fat bike neve 3

Non ricordo esattamente la cosa perché è passato molto tempo, ma credo di aver provato una sensazione simile solamente attorno ai 5 anni quando, per la prima volta, tolte le rotelle, ho affrontato una discesa in bicicletta.

Laddove, invece, la fat incontra alcuni limiti è quando, in pianura o in salita, la neve è troppo alta e impedisce, quindi, lo sviluppo della pedalata. Una situazione che, per dare un’idea, può essere riassunta più o meno così:

giphy cat

In ogni caso, anche in questi casi è meglio non perdersi d’animo e propendere, invece, per un approccio differente alla cosa: caricata la bicicletta in spalla, si procede quindi a superare il tratto in discussione.

fat bike neve 5

In generale utilizzare una fat bike sulla neve è stata di sicuro una delle esperienze più spassose che abbia mai vissuto e che mi sento di consigliare a tutti coloro che non fanno della velocità in sella una ragione di vita ma che, piuttosto cercano di associare ogni pedalata a un’esperienza e che non vogliono rinunciare all’opportunità di andare in bicicletta neppure quando le condizioni meteo lo rendono (quasi) impossibile.

p.s.
Un sentito ringraziamento a Mauro per avermi prestato la bici :)

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti