Se la Capitale riesce a pedalare

5 Dicembre 2016

roma_ciclabili
In Italia le risorse destinate alla ciclabilità sono sempre troppo poche rispetto a quelle necessarie: il nostro Paese, a partire dalla sua Capitale, sconta il peccato originale di avere strade e viabilità pensate e realizzate a misura dei mezzi a motore in movimento e in sosta, relegando le bici ai margini della carreggiata e i pedoni su striminziti marciapiedi (quando ci sono, i marciapiedi).

Decenni di scelte sbagliate, anche nell’allocazione delle risorse, non possono essere corrette in un batter di ciglia: ma in un lasso di tempo sufficientemente ampio, con un orizzonte temporale di 5 anni, è possibile dare un segno tangibile di cambiamento. A Roma la ciclabilità – anche in seguito alla nomina di un bike manager – può avere la possibilità di progredire, a patto che gli investimenti vadano in progetti di ampio respiro e di pubblica utilità.

Qualche giorno fa, nell’ambito di un discorso più articolato, sulle cronache è stato citato il dato di “7,1 milioni di euro destinati a progettazione e realizzazione di piste ciclabili” per il triennio 2017-2019: una cifra annunciata dall’assessora capitolina alla Città in Movimento Linda Meleo su cui vale la pena riflettere. A comporre la cifra ci sono soldi estratti dal programma operativo nazionale (pon metro), programma operativo nazionale di dettaglio amibiente (pod ambiente) oltreché da fondi messi a bilancio direttamente dall’assessora (a quanto risulta a Bikeitalia circa 1,5 milioni di euro). Ora bisogna capire dove saranno indirizzate queste risorse.

In realtà a questi 7,1 milioni se ne vanno a sommare altri 1,2
, grazie all’ultima tranche di fondi del Ministero dell’Ambiente che vengono da lontano, addirittura dal 1998: quindi al momento sul piatto per la ciclabilità di Roma ci sono 8,3 milioni di euro. Ma non è finita qui: a questi vanno aggiunti anche quelli del Collegato Ambientale – cifra variabile da 1 a 3 milioni, a seconda che venga erogata a Roma da sola o come Città Metropolitana: di questi ulteriori fondi una quota di 1,2 milioni andrà in ciclabilità.

Ora il nodo riguarda i nuovi progetti “a pedali” che dovrebbero dare un’impronta ciclabile alla città di Roma: l’eredità che l’attuale amministrazione ha ricevuto – soprattutto in materia di biciclette – è fatta di ciclopedonali disastrate (spesso costruite senza criterio) che vanno superate in un’ottica di sviluppo del ciclismo urbano: secondo gli obiettivi programmatici del bike manager di Roma Paolo Bellino, la ciclabilità va sviluppata sulle Consolari e va fatta una ricucitura ciclabile tra i diversi quartieri per creare una rete capillare e interconnessa.

Intanto oggi pomeriggio alle ore 17 presso l’Assessorato Città Movimento, in via Capitan Bavastro a Roma, sarà presentato alle associazioni dei ciclisti l’annoso progetto della Ciclabile Nomentana: discusso da anni e modificato più volte, ma che ha il difetto strutturale di essere pensato come “ciclabile da marciapiede”, dunque senza sottrarre spazio alle auto ma costringendo pedoni e ciclisti a dividere lo spazio, peraltro a fronte di una carreggiata con tre corsie per senso di marcia.

La Capitale riuscirà a “pedalare” se – e solo se – la priorità della creazione di percorsi ciclabili urbani sarà reale anche con un cambio di paradigma negli uffici tecnici: strade dove disegnare una corsia ciclabile rappresenti la normalità e non l’eccezione; bisogna snellire l’iter burocratico della realizzazione di percorsi per le bici per migliorare la viabilità di tutti.

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti