Blitz nella notte: spunta una nuova ciclabile a Milano

1 Giugno 2017

È bastata un po’ di vernice e qualche pennello per gli attivisti che, agendo con il favore delle tenebre, la scorsa notte hanno regalato una nuova corsia ciclabile a Milano.

guerrilla bussa

La realizzazione di guerrilla bike lane è stata salutata con favore dagli abitanti del quartiere che questa mattina commentavano con frasi di soddisfazione del tipo “finalmente” la realizzazione di questa opera da parte cittadini milanesi per garantire la propria sicurezza sulla strada.

La corsia ciclabile arriva quindi a risolvere una criticità più volte ignorata dall’amministrazione meneghina nonostante le continue segnalazioni da parte delle associazioni e scuole locali.

Cavalcavia bussa ciclabili3

Il tratto realizzato arriva a completare la pista ciclabile che si interrompe prima della discesa del cavalcavia Bussa lasciando (come anche già da noi segnalato in precedenza) i ciclisti di fronte a un cartello perentorio di divieto di accesso, ma anche di divieto di transito per i pedoni. Nonostante i cartelli stradali, però, il tratto era costantemente luogo di transito di pedoni e ciclisti per recarsi dal quartiere Isola a via Farini, in particolare al sottostante asilo per bambini.

L‘intervento clandestino ha quindi di fatto realizzato una striscia bianca che segnala alle automobili dirette a Isola di lasciare spazio alla propria sinistra per consentire la discesa in sicurezza degli utenti deboli della strada. Intento che sembra aver raggiunto l’obiettivo prefissato osservando i comportamenti adottati questa mattina da tutti gli utenti della strada.

In ogni caso, chiunque sia stato a realizzare l’intervento può vantarsi di aver realizzato più metri di piste ciclabili in una serata di Beppe Sala in un anno di mandato come sindaco della città.

Commenti

18 Commenti su "Blitz nella notte: spunta una nuova ciclabile a Milano"

  1. fred3000 ha detto:

    Ma come, nella Stalingrado d’Italia, in 70 anni di sindaci di Sinistra, che normalmente tutelano i ceti meno abbienti, che quindi non possono permettersi un’auto ma si spostano in bicicletta…. NON CI SONO PISTE CICLABILI??? MA COSA MI DICE MAI????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti